Tale padre

Tale padre

rubrica a cura di Lorenzo Gasparrini - La prospettiva del papà: riflessioni e pensieri dal punto di vista del genitore maschio

Ascoltare per la prima volta un figlio

Questo post parla di un padre, Werner, e di un figlio, Till. Negli anni 1980 vivono in Germania Est. Il padre è un poeta affermato e scrittore di libri per bambini. Suo figlio forse non immagina ancora che diventerà famoso nel mondo come cantante del gruppo heavy-metal “Rammstein”.

Il viaggio è un sentimento, non soltanto un fatto.

Così diceva Mario Soldati. E si sa, tradizionalmente i padri non sono granché con i sentimenti. Però, altrettanto tradizionalmente, sono loro che guidano, che...

La consapevolezza del broccolo

Sono vegetariano da due anni. Ho scelto di smettere di mangiare carne - per ora mi limito a questo - per questioni di salute: sapendo che in famiglia, per parte di padre, abbiamo le arterie molto sensibili ai grassi animali, ho preso questa decisione prima di ricorrere a farmaci o cure - sempre che fossero arrivate in tempo.

Guarda che bello

Cosa comunico a mio figlio quando gli dico “guarda che bello...”?

Paternità, non paternalismo

Il luogo comune vuole che il papà sia l'autorità suprema e finale dell'amministrazione casalinga della giustizia. La tradizione – e una certa comodità – vuole il papà come Cassazione, a sancire nei suoi insindacabili e inappellabili giudizi le sorti delle vicende.

La strada dei cambiamenti

Beh, il primo cambiamento per un padre è ovvio: sei padre. All’inizio è questo, una battuta, una frase, un inizio inconsapevole, segnato da quei giorni da solo in casa, con la tua compagna e tu* figli* ancora in ospedale.

Cari papà, parliamo di educazione sessuale

E' il caso di cominciare senza fronzoli: sì, è ora che i padri si confrontino con l'educazione sessuale dei propri figli e figlie. E'...

Ancora la paternale?

Tra le forme di comunicazione più tipiche del rapporto tra padri e figli, c'è senza dubbio la paternale. Dice il vocabolario: "Rimprovero grave e severo, ma non aspro, fatto dal padre ai figli [...] soprattutto al fine di correggere, di far ravvedere".

Cosa non è lo stress

Io non so cos'è lo stress. Non nel senso che non sono una persona che non ne è mai soggetto, ma nel senso che...

Io, il denaro, i bambini e Marx

In questi ultimi anni di crisi – sempre più perenne, sempre più inevitabile – ho visto rapidamente lo stereotipo del “papà che porta i soldi a casa” trasformarsi nel “gioco dei due precari che provano a sfangarla”.