Togliere il pannolino: bisogna veramente aspettare tanto?

33

Vi hanno già detto che l’età media per lo togliere il pannolino è aumentata nelle ultime generazioni? In Europa si è alzata dall’anno e mezzo ai 3 anni. In US è anche peggio. A meno di pensare che ci siano delle modificazioni genetiche in corso, è ovvio che il problema non è propriamente nello sfintere dei nostri figli, quanto piuttosto le differenze tra il nostro modo di vivere e quello dei nostri genitori, o dei nostri nonni.
L’imputato maggiore è ovviamente il pannolino, che è diventato così assorbente da impedire ai piccoli di accorgersi quando fanno la pipì, e di associarvi quella fastidiosa sensazione di bagnato. Un altro problema è che i genitori rimandano sempre più in la l’inizio del processo un po’ per pigrizia e un po’ per paura di stressare il pargolo.
Nel mio piccolo vedo già la differenza tra i bambini italiani che hanno il limite dettato dalla regola che all’asilo a 3 anni non si accettano pannolini, e quelli svedesi ai quali è concesso di avere il pannolino. Basta così poco per far si che l’età media si sposti di qualche mese in Svezia.
Ora pensate un momento di trovarvi con pannolini lavabili in un’epoca priva di lavatrici. Se io mi trovassi in questa situazione, ho pochi dubbi sul fatto che mio figlio lo incollerei sul vasino appena fosse in grado di sedersi. E questo è molto probabilmente quello che succedeva ai tempi delle nostre nonne, e per qualcuno anche delle nostri madri.

Quello che non ho mai capito è il perchè questa faccenda di togliere il pannolino dovrebbe stressare il bambino solo perchè non è fisiologicamente pronto. Quando sosteniamo nostro figlio per le mani, mentre tenta di muovere i primi passi, non siamo mica preoccupati di stressarlo e spingerlo a compiere un gesto che i suoi muscoli non sono in grado di sostenere! Eppure le sue gambe non possono farcela se non dopo molte cadute, e prove, e fallimenti. E noi ci mettiamo tranquilli ad incoraggiarli.
E invece per molti bambini togliere il pannolino dopo i 2 anni di età, diventa stressante. E’ stressante perchè quella è l’età in cui iniziano a sentirsi indipendenti e capaci di fare molte cose, e quindi ogni insuccesso può diventare umiliante. E’ stressante perchè avevano imparato a far tutto nel pannolino e ora devono cambiare le loro abitudini. E’ stressante perchè vedono che gli altri ci riescono e loro no. Quanti bambini arrivano al punto di chiedere di indossare il pannolino solo per fare la cacca?

Introdurre il vasino a 12 mesi

A questo proposito ho trovato molto interessante leggere il metodo proposto da Tracy Hogg (°), per introdurre l’uso del vasino preferibilmente intorno ai 10-12 mesi di età del bambino (ma anche 18 mesi!). L’idea si basa sul fatto che i bambini a quell’età sono molto più collaborativi e hanno molta voglia di farci piacere. Introdurre il vasino non vuol dire necessariamente togliere il pannolino, ma semplicemente rendere il sedersi sul vasino, o sul water, un gesto quotidiano normale, che si inserisce con naturalezza nelle abitudini di tutti i giorni: ci si veste, si mangia, si dorme e a volte ci si siede sul vasino. Il tutto è facilitato se si può mantenere uno schema regolare, come ad esempio sedersi sul vasino quando ci si alza, e dopo un quarto d’ora circa dalla fine di ogni pasto.
A questa tenerissima età non dovrebbe essere troppo difficile intrattenerli seduti per qualche minuto, magari cantandogli una canzoncina o leggendo un libro insieme. Per il primo paio di mesi, la maggior parte delle volte non succederà niente.
Al primo successo però, anche se totalmente casuale, bisogna mostrarsi molto contenti, esagerando anche un po’ con le manifestazioni di gioia, magari inscenando una danza speciale o un rito di festeggiamento.
Insomma deve essere chiaro che quel gesto vi ha resi felicissimi. E visto che l’età è ancora quella della collaborazione, il bambino vorrà in ogni modo ripetere il gesto che vi ha reso così felici.

Introdurre il vasino non vuol dire necessariamente togliere il pannolino, ma semplicemente rendere il sedersi sul vasino, o sul water, un gesto quotidiano normale, che si inserisce con naturalezza nelle abitudini di tutti i giorni

Tracy Hogg sostiene che in questo modo il bambino riesce ad imparare prima a prestare attenzione a quei segnali del proprio corpo che precedono cacca e pipì. E nel momento in cui lo sfintere sarà pronto, il bambino sarà già molto abituato al vasino, e saprà riconoscere gli stimoli sviluppando più velocemente un controllo maggiore. Il tutto sembrerebbe essere molto dolce e naturale e assolutamente privo di stress.

Io non ho avuto il piacere di applicare questo metodo con il Vikingo, scoraggiata dalla sua iperattività fisica, per cui mi sembrava un’impresa impossibile intrattenerlo seduto. Con lui abbiamo iniziato molto più tardi, con notevoli difficoltà, e non so come avremmo fatto senza l’aiuto provvidenziale dello Gnomo del Vasino. Ed è proprio sulla base della mia esperienza personale, e di quella di una mia amica che ha provato con successo il metodo di Tracy Hogg, che sto meditando sulla possibilità di applicare questo metodo con Pollicino.

Poi magari vi farò sapere…

(°) “The Baby Whisperer Solves All Your Problems…” By Tracy Hogg, Melinda Blau

Prova a leggere anche:

33 COMMENTI

  1. Porto anche io la mia esperienza. Ho un bimbo di 10 mesi. Siccome è stato in grado di stare seduto stabilmente da solo molto presto, a 8 mesi ho deciso di provare il metodo Tracy Hogg e ho iniziato a metterlo seduto sul vasino, dato che quando deve fare cacca lo comunica in modo molto chiaro… 😛 Dopo 3 o 4 giorni di queste prove ha fatto cacca, e lì festa! Da quella volta, gradualmente, siamo arrivati ad oggi, che fa la cacca nel vasino ogni giorno. Da un mesetto circa fa anche pipì. per lui stare seduto sul vasino è un gioco, ultimamente ha anche imparato a “chiamare” in maniera molto primitiva ovviamete, quando deve farla. Preciso però che ci sono alcune variabili importanti per chi volesse adottare questo metodo:
    1) bisogna avere la possibilità di passare molto tempo a contatto con il bambino, in modo da imparare a riconoscere i suoi segnali. Spesso i bambini sono velocissimi a fare la cacca e se non si è più che attenti a cogliere l’attimo, non si riesce nemmeno a spogliarli in tempo (a me tutt’ora capita che se non lo sto guardando e sto facendo altro, a volte lui la fa comunque nel pannolino).
    2) è importantissimo mettere il bambino sul vasino o sul wc (io uso il vasino perché ho cominciato prestissimo e il water è troppo grande, devo sorreggerlo e tmo semrpe che mi cada dentro) solo se ha lo stimolo, altrimenti per lui diventa una forzatura, della serie: non mi scappa, perché mi costringono a stare seduto qui?
    3) Se si ha pazienza e costanza, il fare i bisogni sul vasino diventa abbastanza in fretta un automatismo, mio figlio ad es. appena assiso sul vasino fa sempre qualcosa, anche solo pipì. ormai ha collegato le due cose.
    Lati “negativi”: bisogna avere tempo a disposizione e saper ignorare i commenti di chi non capisce – “povero bambino, che cosa innaturale, lo obblighi, lo stressi, lo traumatizzi”… sì, perché stare seduti nella propria cacca o in un pannolone fradicio fino a 3 anni è naturale e piacevole per tutti, vero? Questo metodo secondo me è ragionevole, non miro certo a spannolinare mio figlio a un anno, ma se riesco a preparare il terreno per il futuro e rendere questo passaggio più fluido e “normale”, sono più serena anche io!

  2. Io sarò stata fortunata, ma avevo comprato il vasino a mia figlia da qualche mese, l’avevo poggiato in bagno ma essendo inverno non mi ero mai sognata di chiederle di usarlo. Un giorno di giugno, a 2 anni appena compiuti, mi dice “mamma voglio fare la pipì nel vasino”…da quella sera non le ho più messo il pannolino tranne che per qualche temnpo durante la notte (ma lo trovavo sempre asciutto) e non si è mai bagnata. Forse il fatto di averlo deciso da sola l’ha resa una cosa del tutto naturale e ha velocizzato il tutto.

  3. Volevo portare anch-io la mia testimonianza, magari puo- essere d-aiuto/ispirazione ad altre mamme:

    io ho messo la mia bimba sul vasino dai 9 mesi circa (cioe- da quando poteva stare autonomamente seduta senza che cadesse) quando doveva fare la cacca. Da quella volta l-ha sempre fatta nel vasino e ci sono stati pochissimi incidenti. Dopo parecchio tempo ha cominciato a farci anche la pipi- e intorno ai 12 mesi ha iniziato anche a chiamare pipi-. A 13 mesi e- andata al nido e li piano piano c-e- stata la regressione quasi totale sulla pipi-. Non voleva piu- andare a farla nel vasino perche- all-asilo evidentemente nessuno se ne interessava e la faceva comodamente nel pannolino. La cacca invece l-ha sempre fatta comunque nel vasino. A 18 mesi, quando proprio non si prendeva piu- nemmeno una pipi- mi sono stufata e le ho tolto il pannolino prima che la regressione diventasse ‘irreversibile’. Risultato: nel giro di 1 settimana tutte le pipi- nel vasino.
    Ormai e- 1 mese che siamo spannolinate (di giorno) e non ci sono piu- stati incidenti (e speriamo che continui cosi-).

    Secondo me il trucco e- insegnare ai bimbi fin da piccolini che cacca e pipi- si possono fare anche nel vaisno/WC oltre che nel pannolino, in modo che la cosa diventi normale e non una novita- quando viene il momento di spannolinare.
    Aggiungo che io ho usato i lavabili, ma non credo che abbiano fatto la differenza perche- lei non dava nessun segno di fastidio quando era bagnata.

  4. Aiuto!!!!
    Il mio topino ha quasi 3 anni e mezzo, ormai è quasi un anno che abbiamo tolto il pannolino ma da settembre che ha iniziato ad andare all’asilo non riesco più a fargli fare la cacca nel vasino… non so più cosa inventarmi, all’inizio ho sbagliato io che continuavo a chiedergli perchè non me l’avesse detto ecc. risultato? non riuscivo più a cambiarlo neanche quando doveva semplicemente mettere il pigiama o vestirsi al mattino!!! adesso ho ricominciato a fare finta di niente, gli dico “non importa amore vieni che ci cambiamo” ed è tranquillo, riesco a vestirlo, ma non ci sono stati miglioramenti, continua a farsela addosso, come ne esco?????? grazie!

  5. usiamo pannolini lavabili, ma per fortuna abbiamo la lavatrice!!
    l’incontro con il vasino c’è stato con l’inizio dello svezzamento e il primo caso di stitichezza… ho letto un sacco tra cui il fatto che da seduti la facevano meglio, era vero… da allora non abbiamo mai smesso…
    ad ogni sveglia le metto sul vasino e lei faccio brava ad ogni pipi, puntuale dopo pranzo e dopo cena, fa la cacca!!.. mi fa enormemente piacere leggere che la hoggs che mi ha aiutato nei primi mesi, ha consigliato un metodo che a me è venuto proprio naturale…
    la notte ancora uso pannolino usa e getta perchè spessissimo dorme con noi, ma la mattina potrei dire che è quasi vuoto.. non so come ma aspetta il vasino per fare pipi!!

  6. il mio piccolo Mattia c’è riuscito autonomamente a 18 mesi incoraggiato da noi quando ci siam accorti che si svegliava la mattina con il pannetto asciutto e con la voglia di farla come il fratellino..rimproverati dal pediatra per aver anticipato i tempi..ma in realtà non c’è stato bisogno di favole o canzoncine x fargli fare pipì o pupù al vasino perchè quando dice cacca la fa e punto.sicuramente siam stati fortunati ma credo che siano i piccoli a darci dei segnali su quando siano pronti x il vasino…

  7. Mammeeeeeee!! Allora stamattina pipì nel panno… poi dopo la clazione.. io volev aspettare dieci mintui.. ivece mi sa che lui ha anticipato di 5… dopo il sonnellino mattutino ho portato il vasino nella sua cameretta e dalla culla l’ho messo li.. abbiamo giocato un pò.. e pssssssss.. non sapete che emozione 😀 poi ho provato a portarlo nel vasino prima di pranzo ma non l’ha fatta… durante il pranzo (avevo gente oggi l’ha fatta senza dirmi niente.. dopo pranzo mentre giocva l’ho visto diventare un pò rosso e allora zac.. portato in bagno e caccaaaaaaaaa!!!! ;-D yehaaa!! Può andare come inizio??

  8. Eccomi!!! Che fortuna trovare questo post!! Stavo giusto pensando a come fare per togliere il pannolino al mio principino..!! Io Gi ho provato.. tipo la mattina quando si sveglia o durante la giornata e lui gguarda il vasino ridendo e dice pip pipì.. ma non credo sappia cosa sia visto che ancora no l’ha fatta.. in questi giorni ho smesso perchè sta facendo l’inserimeto al nido e mi hanno consigliato di non stressarlo troppo.. ma in effetti se gli tieni il pannolino che problema c’è…!!!Grazieeeeeeeeeeeeeeeee

  9. Ciao Serena! No la storia dello gnomo non mi era sfuggita, è una delle mie preferite! 😀
    Beh mi sembrano ottimi risultati! E’ un po’ quello che pensavo anch’io: un po’ di amicizia con il vasino intanto, che poi per togliere il pannolino c’è tempo… Vediamo 🙂
    Ciao e grazie

  10. Uh che risposte veloci 🙂 grazie!
    No, Serena, non è che pretendo troppo da lui, ma da me… Cioè mi rendo conto che NON HO PROPRIO IDEA di quali sono i suoi orari. E questa è una delle prime cose che TH dice di fare: osservare, capire, conoscere…. Boh!?

    Laura: io gli do già un libretto e lo leggiamo insieme. Lui si siede, ci sta e poi quando il libretto è finito vuole alzarsi. Lo cambio e usciamo. Per ora lo accetta volentieri, ma non vorrei strafare, non vorrei che lo prendesse in antipatia!
    Cercherò di andare con calma 🙂

    Ottima quella dell’innaffiatura piedi! Ma tu Serena, poi con Pollicino come hai fatto? Spannolinamento precoce?

    • Rossana no, niente spannolinamento precoce 🙂 Lui il pannolino ce l’ha ancora (ora ha 20 mesi), ma aumentiamo notevolmente il numero di successi, e la fa nel vasino almeno un paio di volte al giorno (inclusa cacca a volte), e mi dicono che anche al nido quando lo mettono seduto sul vasino spesso ci riesce. Insomma, non ci dice quando gli scappa, ma a volte ce lo dice dopo che l’ha fatta, e comunque ha fatto sicuramente amicizia con il vasino molto prima del Vikingo, per il quale invece abbiamo faticato tantissimo (leggiti la storia dello gnomo del vasino se ti è sfuggita!)

  11. quoto Serena! è prestino, ma è una sana abitudine. Più in là, per favorire la “permanenza” in modo che sia magari “Produttiva” puoi dargli un libretto o un giochino. Sere, ma se gli innaffi i piedini poi cresce anche?? 😀 non l’avevo ancora sentita!!!

    • Laura l’ho scoperto al pronto soccorso qualche settimana fa. Volevano fargli l’esame delle urine e ci hanno dato il vasino.L’infermiera mi ha visto perplessa e mi ha suggerito di bagnargli i piedi con l’acqua fredda. Ci ho provato e ha funzionato alla perfezione. Ero stupitissima anche io! 🙂

  12. Ciao! Io sto provando con il mio 13 mesenne ma ho alcuni dubbi: lui sul vasino ci sta e anche volentieri. Lo metto lì dopo colazione e poi a intervalli di circa due ore, dopo la merenda, dopo pranzo ecc. E’ che non mi è ancora capitato che la faccia lì. Io tutte le volte gli trovo il pannolino già bagnato. Credo che il mio “problema” sia che non riesco proprio a capire quand’è che lui la fa. Cioè non ne ho proprio idea… Come faccio a capire quando è il “momento giusto” per metterlo lì???

    • Rossana ma non pretenderai troppo dal tuo 13mesenne? 😉
      Se ne sta seduto volentieri sul vasino??? Ma è splendido. Stai inserendo il sedersi sul vasino nella vostra routine. Vedrai che prima o poi, per puro caso, succederà, e allora sarà una festa! Garantito! Continuate così, con moltissima pazienza. Lo scopo è quello di sedersi regolarmente sul vasino, non di farla dentro.
      In genere comunque è una buona regola appena svegli, e dopo i pasti, che sono i momenti in cui capita più facilmente. Piccolo trucchetto per stimolarlo: bagnagli i piedi! A quel punto se ce l’ha, la fa.

LASCIA UN COMMENTO