La rubrica dei giochi: Quandofuoripiove e la sua creatività

15

Il fai-da-te mancava su genitoricrescono, ma di certo io e Serena non siamo delle gran creative, almeno per quanto riguarda colla, cartoncino e forbici. Cercavamo qualcuno in grado di presentare giochi e lavoretti alla portata di tutti (no, meglio: alla portata nostra… quindi di chiunque altro!), che sapesse immaginare e realizzare oggetti con pochi materiali semplici, senza bisogno di una gran spesa in cartoleria o in merceria. Cercavamo una specialista in semplicità e divertimento! E sapevamo esattamente di chi avevamo bisogno: Giada di Quando fuori piove e le sue “idee e ispirazioni dalla rete (e da casa mia) per colorare i tristi pomeriggi di pioggia
Con lei nasce la rubrica Giochi libera tutti: idee semplici e divertenti per trascorrere un po’ di tempo con i nostri bambini.
Ma perché giochi “libera tutti“? Prima di tutto perché Giada ci proporrà dei piccoli giochi che siano in grado di liberare la creatività, la manualità e la fantasia, sia dei bambini, che di noi adulti e poi perché, una volta confezionati questi simpatici giochini, saremo liberi per un po’, almeno il tempo di farci una doccia in pace o una telefonata, visto che i bambini saranno impegnati con la loro creazione.

 

Ho sempre immaginato che la creatività abbia un volto diverso per ognuno di noi e si cambi d’abito per ogni occasione, adattandosi, con il gusto e la volubilità di una consumata fashion victim, alle persone che frequenta.

Quello che indossa a casa mia è sicuramente un vecchio jeans macchiato da grosse chiazze di colore e appiccicosi goccioloni di colla, con pezzetti di cartoncino colorato conficcati nei risvolti. Ma le basterà attraversare il cancello per recuperare un bell’abito verde smeraldo come il pollice del vicino, o trasferirsi dalla mia amica Elisa per cucirsi da sola un’ampia gonna a ruota con cui aspettare la Primavera. Macchie di farina decorano il grembiule che indossa a casa di chi la lascia sbizzarrire in cucina fra torte e manicaretti, e lei se ne approfitta, senza preoccuparsi di quel chiletto in più sui fianchi perché tanto sa che prima o poi sarà invocata da un genitore, e qui non si scherza!

Per l’occasione si infilerà una tuta da corridore e con la sua amica improvvisazione, si allenerà a diventare sottile, veloce e pronta a intervenire in ogni momento, per salvare un pomeriggio noioso con una trovata semplice e divertente, proprio come questa:

FOTO1

Per organizzare un Gran Premio casalingo sono necessari due soli ingredienti: lunghi pezzi di spago (fili di lana, stringhe legate insieme, vale tutto!) e tanti pennarelli quanti sono gli sfidanti.

FOTO2

Si lega un capo del filo a un pennarello, mentre all’altra estremità si dovranno attaccare i concorrenti. Io li ho scelti con cura, per renderli il più coinvolgenti possibile: Pasqua si avvicina, siamo circondati da decorazioni con le orecchie, quale sfida migliore di quella tra un tenero pulcino e un buffo coniglietto?

Ho ritagliato le bestiole da un vecchio album e ho chiamato il biondino. Un solo sguardo di Puki agli animaletti è bastato per fargli scrollare la testa e provocarne la fuga in camera. Ne è riemerso dopo pochi minuti portando con sé nuovi e più degni avversari.

FOTO3

La nostra sfida pasquale si svolgerà pertanto tra un T-Rex e una porsche arancione…

Tutto è pronto e si può iniziare, dopo aver svelato il semplice meccanismo del gioco.

Gli sfidanti si devono disporre sul traguardo, pennarelli in mano, filo disteso e concorrenti posizionati quanto più lontano possibile. Quando scatta il segnale si ruota velocemente il pennarello fra le dita, in questo modo si arrotola il filo e si fanno avanzare T-Rex e macchinina. Vince chi per primo è raggiunto dal suo pilota.

Pronti?

FOTO4

Semplice, anzi elementare, ma incredibilmente divertente! Soprattutto quando ci si accorge che si possono usare contro l’avversario armi segrete e sleali quali il solletico sotto l’ombelico, o si concorda un giro intorno al divano con rischio di incastro alla grande curva.

C’è poi da fare i conti con un imprevisto e meraviglioso effetto collaterale: lo smisurato interesse da parte del lato maschile (e cosiddetto adulto) della famiglia, che si impegna nella gara con un tifo e un coinvolgimento davvero esagerato!

Sperimenterò il Gran Premio alla prossima cena fra amici e, se tutto va secondo il mio piano, troverete Madame Creatività seduta accanto a me a una tavola interamente al femminile, impegnata a chiacchierare con un sorriso beota e l’aria beata.

 

– di Giada Quandofuoripiove

Prova a leggere anche:

15 COMMENTI

  1. Grazie per i bellissimi commenti, non nascondo che ero emozionata per questo debutto, e un’accoglienza calorosa aiuta a sciogliere quel nodino di ansia che ciudeva lo stomaco. Grazie davvero!

  2. Evviva Giada! Benvenuta! Noi abbiamo lo abbiamo già provato, Biancaneve vs macchina della polizia: ha vinto la mora col caschetto impeccabile, chettelodicoaffa’…

  3. “SCHIFOSAMENTE”e genialmente semplice e divertente!!!!!!!!! 😉

    Pronti partenza ….viAAAAAAAAAAAAAA
    Ciao
    Francesca

  4. Nooo! Ma è pazzesco… Soprattutto perchè potrei essere in grado di farlo anche io… Un’ottima idea per questo lungo weekend che si preannuncia piovoso.

  5. Madame Creatività si siederà già oggi pomeriggio vicino a me, e poi spero anche negli altri giorni.
    Hanno ragione Silvia e Serena: sei una specialista di semplicità e di divertimento, e vedere qui una tua rubrica è una gran bella sorpresa (di Pasqua).
    Evviva!

    Ps. Grande Puki! basta pulcini. Vuoi mettere il T rex? 🙂

  6. Idea semplice e geniale come sempre. Ci arrivo anche io senza fare danni. E da oggi ho un ulteriore motivo per leggere Genitori Crescono. Serena, Silvia: ottima scelta come direbbe il draghetto Daisy

  7. Volevo essere la prima a darti il benvenuto in questa grande famiglia di p..azz…ehmmm p…rofessionisti 😀
    Grandissimo Puki e il suo T-REX, grandissima tu. E’ un piacere immenso sapere che da oggi fai parte della squadra.

LASCIA UN COMMENTO