Home Cultura e società Scuole crescono Intervista a mammamsterdam: la scuola in Olanda
10 Blogger, 100 Ricette, 1 #CuisineCompanion
- POST SPONSORIZZATO - E' uscito e si chiama "Ricette In Famiglia". Il nuovo ricettario...
Cracker al formaggio con #CuisineCompanion
- POST SPONSORIZZATO - Quante volte capita che a noi o ai nostri figli venga voglia...

Intervista a mammamsterdam: la scuola in Olanda

Iniziamo la serie di interviste di questo mese con Mammamsterdam, eclettica blogger e mamma di due bambini, che ci racconta come funziona la scuola in Olanda.

Puoi descrivere brevemente il sistema scolastico olandese?
Il sistema scolastico olandese prevede la scuola dell’obbligo dal compimento dei 5 anni ai 16 anni. La scuola elementare  inizia però al compimento dei 4 anni, con una classe unica 1 e 2 insieme. La prima serve come orientamento generale, in seconda si comincia con prelettura e prescrittura, numeri e conti ecc. Si arriva in questo modo a 12 al gruppo 8.

Successivamente si possono scegliere una serie di tipi di scuole superiori, che differiscono nella maggiore o minore attenzione data alle materie teoriche. il livello più basso, paragonabile alle professionali, è il VMBO che però spesso diventa un bacino che raccoglie sia studenti che preferiscono materie pratiche, sia casi disperati che devono arrivare a 16 anni. Molti genitori cercano di evitarlo proprio per questo motivo.
Seguono Havo, VWO e Gimnasium che danno tutti accesso al’università, i primi due con uno o più anni integrativi dopo le elementari, che si chiamano classi ponte. Il gimnasium è un po’ l’equivalente del liceo classico, con latino e greco e una serie di altre materie che definiscono l’indirizzo umanistico o scientifico.

Quando vengono introdotti i voti (elementari, medie…)?
Ogni anno tra aprile e maggio tutte le scuole elementari vengono sottoposte al test CITO che ha lo scopo di misurare gli obiettivi di apprendimento riferendoli a una media nazionale. A è il risultato massimo, B è buono C è sufficiente, D è insufficiente. il punteggio finale del CITO in ottava classe diventa anche uno spartiacque per il tipo di scuola superiore, visto che alcuni dei licei più ambiti pongono un punteggio minimo al CITO come prerequisito per l’ammissione. Al termine degli 8 anni di scuola elementare viene anche dato un consiglio più o meno vincolante per le scuole superiori.
Quali sono le differenze che ritieni più importanti nel metodo pedagogico utilizzato 
E difficile generalizzare perché ci sono molti indirizzi pedagogici tra cui scegliere, vedi domanda successiva. La differenza fondamentale è che sulla carta adesso tutte le scuole dicono di prestare molta attenzione ai talenti del bambino piuttosto che alle sue deficienze, che comunque vengono affrontate con interventi ad hoc, e allo sviluppo individuale. In genere sono chiacchiere con un minimo di verità, il punto è che le deficienze ottengono molta più attenzione ed interventi appositi delle eccellenze. Tanto è vero che adesso si sono introdotte scuole speciali secondo il metodo Leonardo, oppure la One Day a week school. un approccio dove i bambini superdotati per un giorno alla settimana fanno lezione insieme in una scuola apposita e per il resto rimangono nella scuola d’origine.

Un’altra cosa che trovo ottima è l’attenzione allo sviluppo emotivo e sociale dei bambini, le innumerevoli visite sul campo (in biblioteca, allo zoo, panetteria, conservatorio ecc.).

Comunque io trovo ottimo che i bambini, che restano a scuola fino alle 15, non abbiano poi compiti a casa, anche se questo è poi il grosso trauma da superare nei primi tre mesi di classi ponte alla fine delle elementari.

La scuola è pubblica o privata? costa andare a scuola?
La scuola è tutta pubblica ma se un gruppo di genitori abbastanza numeroso richiede la fondazione di una scuola ad indirizzo particolare (cattolica, protestante, indù, islamica, Montessori, Dalton o altro) in una particolare zona, lo Stato ne fonda una, che viene gestita da un’apposita fondazione. Ogni scuola chiede ai genitori un contributo individuale per le spese extra: gita scolastica, regali per san Nicola (equivalente della Befana), festa di fine anno e simili. Queste somme vengono gestite dall’associazione genitori. I non abbienti posso chiedere un’esenzione.

I libri chi li paga?
I libri sono di proprietà della scuola e vengono usati in classe. Inoltre i quaderni degli esercizi, tutto il materiale didattico (colori, plastilina, giochi ecc. vengono anch’essi distribuiti dalla scuola. Praticamente un bambino di suo porta solo lo zaino, il portapane per il pranzo, l’occorrente per la ginnastica e basta.Non devi comprare per la scuola neanche una penna.

Cosa rimpiangi del sistema italiano per i tuoi figli, e cosa sei contenta di non dover subire?
Del sistema italiano conosco solo quello in vigore ai miei tempi e non rimpiango assolutamente nulla, in primo luogo il grembiule e la ginnastica alle elementari che non si faceva. Trovo che la grande autonomia gestionale delle scuole sia una cosa fantastica, tanto il ministero stabilisce le condizioni fondamentali: il numero minimo di ore l’anno, le qualifiche e il numero di docenti per scuola e li finanzia di conseguenza, il test finale che serve anche per valutare il funzionamento della scuola nel suo insieme.

La tua esperienza personale
Noi abbiamo scelto per l’indirizzo Dalton che prevede una grande autonomia di lavoro dei bambini. Le lezioni di base vengono fatte per tutta la classe, il resto viene diviso in lavoro individuale, a coppie e di gruppo, in cui ai bambini viene lasciata un’ampia autonomia decisionale, ovviamente guidata e controllata dall’insegnante. Praticamente ne fanno dei piccoli project manager. Il giovedi devono pianificare sul loro orario le attività individuali e la settimana successiva si controlla cosa sono riusciti a completare il giorno/momento previsto e cosa no e come aiutarli a finire.
La cosa bella è che in questo modo i bambini ricevono molti compiti individuali ad hoc. Per esempio una compagna di 8 anni che è bravissima in matematica ha ottenuto di poter seguire qulle lezioni nella classe successiva. Si è deciso invece di non farle saltare l’anno per non condannarla a una carriera scolastica da ‘piccola’ della classe, tenendo conto anche dello sviluppo emotivo e sociale. Un altro bambino, timidissimo ed emotivo al punto di bloccarsi e seguito esternamente, è stato tenuto a 7 anni con il gruppo dei seienni per dargli il tempo di adeguarsi e non metterlo sotto pressione.  

Considerazioni generali
Il discorso dello sviluppo emotivo e sociale viene preso molto sul serio. Ogni scuola ha un funzionario interno che osserva regolarmente le classi e su eventuale indicazione degli insegnanti esamina bambini dal comportamento anomalo per decidere degli eventuali interventi (insegnante di sostegno, esperti per test su dislessia, Asperger ecc.).
Inoltre, i bambini che fino ai 4 anni vengono regolarmente controllati nel loro sviluppo psicofisico al consultorio, che somministra anche le vaccinazioni, dai 4 anni in poi passano sotto il medico scolastico che li controlla annualmente, in modo da individuare anche evenuali problemi di vista, udito ecc.
 
Per quanto riguarda bambini con handicap che possono essere inseriti nella scuola normale, o comunque bambini con problemi di altro tipo, lo Stato passa il cosiddetto zainetto: una somma di denaro che i genitori e la scuola possono usare per terapie e sostegno di vario tipo. Si pensi alla logopedia, sostegno psicologico, insegnante di sostegno, ma anche, per quei bambini che vanno seguiti a tempo pieno da un genitore che deve magari rinunciare al lavoro per farlo, anche baby-sitter o pulizia. Una mia amica madre di due bambini con diagnosi Asperger e allergie alimentari complicatissime, molto faticosi da gestire considerato che la scuola continua rifiutare la piccola che sta a casa ed ha imparato a leggere e scrivere da sola, ogni tanto approfitta di questo, ma credo sia il solo modo di conservare la salute mentale. La cosa fantastica è che lo Stato appunto non pone limiti all’uso della somma stanziata per il bambino purché i canali di pagamento siano quelli stabiliti e tutto venga fatturato.

Non è un sistema perfetto, ci sono sempre quei casi che magari avrebbero bisogno di sostegno e questo non viene riconosciuto, oppure bambini inseribilissimi a scuola con il sostegno, ma un direttore o insegnante può mettere i bastoni fra le ruote per motivi puramente umani ma non oggettivi. Però vuoi mettere la soddisfazione?

L’unico aspetto di cui farei a meno, ma che va benissimo così, è che l’obbligo scolastico è una cosa molto seria. Per tenere un bambino che non è ammalato a casa, bisogna chiedere un permesso, che sotto i 7 giorni per determinati casi può venir concesso dal direttore scolastico, negli altri interviene un ufficiale comunale apposito. Un caso molto frequente è quello di chi parte per le vacanze un giorno prima perché magari i voli costano meno.  
L’addetto si è appostato all’aeroporto controllande se le famiglie con bambini avevano il permesso, e altrimenti multandoli. Le eccezioni irregimentate sono matrimoni, funerali o giubilei importanti in famiglia, lavoro del genitore che magari non può prendere ferie nel periodo delle vacanze, lavori agricoli.

Una seccatura per me che vorrei piazzarmi due mesi in estate in Italia, ma meglio per i bambini che non perdono la scuola. Anche perché lo scorso anno la settimana extra per fargli fare l’esperienza in una scuola italiana me l’hanno data. Basta quindi inventarsi una buona scusa.

Prova a leggere anche:

ebook i piccoli e i grandi
Co-fondatrice di genitoricrescono. Astrofisica convertita alla comunicazione. Vivo a Stoccolma. Dalla vita ho imparato che avere figli è come essere astronomi, si continua a non dormire la notte.

11 COMMENTI

  1. Buongiorno mammaamsterdam, sto valutando una proposta di lavoro ad Amsterdam, dove mi trasferirei con moglie e due figli (4 e 6 anni nel 2014). Avrei bisogno di qualche info per quanto riguarda la scelta della scuola, locale non internazionale, in zona Amstelveen o amsterdam sud/sudovest. I bambini parlano solo italiano. Trasferimento in primavera. Grazie mille

  2. Buon giorno
    sono di Torino e con mio marito stiamo valutando di trasferirci in Olanda.
    Ho un figlio di 15 mesi quindi lo spostamente deve essere fatto valutando anche tutti gli aspetti scuola, servizi ed altro per il bambino.

    Riguardo la scuola una cosa non chiara è in che lingua vengono effettuate le lezioni, olandese e come seconda lingua inglese,e per l’inserimento come si pone la scuola e che aiuti ci sono in merito.
    Grazie

  3. Ciao volevo sapere quando inizia la scuola in olanda e soprattutto se un ragazzo di 17 anni può andare ancora a scuola?? Quindi vorrei sapere come organizzato il sistema scolastici in olanda dato che vorrei fare l ultimo anno delle superiori li….. Aspetto una vostra risposta.

  4. In olanda di solito quando inizia la scuola superiore?? Un ragazzo di 17 anni può andare ancora a scuola e come organizzata una giornata tipo di scuola dalla mattina al pomeriggio aspetto risposta poiché desidero fare studi li

  5. In olanda di solito quando inizia la scuola superiore?? Un ragazzo di 17 anni può andare ancora a scuola e come organizzata una giornata tipo di scuola dalla mattina al pomeriggio aspetto risposta poiché desidero fare studi li

  6. Buongiorno,
    vorrei chiedere se la scuola cui si fa riferimento nell’intervista è in olandese o in inglese.
    Ad ogni modo vorrei capire come può essere l’inserimento in una scuola di lingua olandese di un bimbo di nemmeno 7 anni che ha completato la prima elementare in Italia, mi chiedo ad esempio se è richiesto che si ricominci daccapo invece che entrare in seconda.
    Grazie in anticipo per qualsiasi osservazione e suggerimento.
    Cordiali saluti,
    Fabio

  7. ciao
    finalmente un blog dove spiega un po’ il servizio scolastico olandese.
    ho una domanda, ma per bambini italiani che devono iniziare un anno scolastico in olanda a seguito di trasferimento lavorativo genitori c’è un supporto nelle scuole? anche solo come affiancamento per la lingua?

  8. Ciao cara mammaamsterdam,
    io pure abito ad amsterdam, tutto vero quello che hai scritto, ma volevo aggiungere che il cito toets (esame) che i bambini hanno nell’ottavo anno alle elementari e un assurdita. I bambini secondo il il loro risultato sono obbligati a seguire una certa strada.Certamente diresti se questo e quello che loro raggiungono con l esame…..ma i bambini a quell eta non hanno ancora il senso del dovere….mi ritengo fortunata che i mie bambini avevano havo/vwo, ma ho visto tanti genitori delusi e bimbi che pure delusi dovevano raccontare a tutti che purtroppo non avendo voti alti dovevano andare in una certa direzzione…..molto sbagliato , probabilmente se fossero anche loro andati a havo o vwo ce lavrebbero fatta oforse anche no! preferisco il sistema italiano ..il proffessore da un avviso ma non obbligatorio……in fine in italia si diventa anche li dottore o avvocato ecc.

  9. Ciao Mammamsterdam
    parlavo con un mio caro amico, l’altro giorno, proprio del fatto che secondo me la scuola italiana dovrebbe fare un grosso sforzo per “inculcare” nei ragazzi un sano senso civico, sacrificando in parte materie che secondo me solo sulla carta servono realmente durante la vita.
    Ho vissuto ad Amsterdam per quasi tre anni con la mia famiglia, e devo riconoscere che sono molto molto avanti rispetto a noi. Leggendo quello che ci racconti della scuola olandese(io non ho fatto in tempo ad apprezzarla in quanto il mio bambino era ancora molto piccolo) trovo conforto alla tesi dell’importanza di questi insegnamenti a scuola. Certo che ho l’impressione che siamo lontanissimi da quella realta’ in quanto capisco che i bambini sono proprio immersi in un sistema che respira i valori del vivere sociale. Cosa ne pensi?
    Fabio

  10. Mi chiedevo quanto erano vincolanti i consigli e i voti ottenuti negli anni precenti per accedere a una scuola superiore piuttosto che a un’ altra.
    Non è un po’ segnarein anticipo e/o discriminare dei ragazzini che possono cmbiare anche molto nel corso degli anni successivi?
    Grazie e ciao