L’esperimento dei colori in movimento

0

Divertire i bambini giocando con i colori: un esperimento affascinante e facilissimo da riprodurre in casa.

Certo, sanno spiegare con immediatezza unica le leggi che regolano la realtà, ma la ragione per cui amo proporre esperimenti scientifici al piccoletto di casa è tutta racchiusa nel modo in cui sgrana gli occhi quando vede accadere davanti a sé qualcosa di completamente inaspettato. Con un urletto si lancia giù dalla sedia per fare le giravolte in mezzo alla cucina, troppo gasato per riuscire a stare fermo, e poi si nasconde per raccontare l’accaduto all’amico invisibile che vive dentro di lui, appena dietro all’ombelico.

Sì, la reazione in genere è abbastanza plateale, ma in questa occasione ho rischiato il fallimento perché ho osato chiedere a mio figlio qualcosa di assolutamente incomprensibile: un po’ di pazienza!

L’esperimento con i colori è infatti sorprendente al punto giusto, ma si svela con lentezza…. un’ inaccettabile lentezza, a quanto pare, che mi ha costretto a pensarne una interpretazione in grado di soddisfare anche i bimbi piccoli.

Ecco quindi il facile esperimento scientifico adatto a chiunque abbiate in casa: grandi, piccoli… e piccolissimi!

esperimento-scientifico-bambini-quando-fuori-piove

I preparativi da fare sono davvero semplici: occorrono due bicchieri, riempiti a metà con acqua mescolata a coloranti alimentari giallo e blu.

All’interno dei due bicchieri si fa scivolare,  fin dentro l’acqua,  l’estremità di una striscia di carta cucina. L’altro capo verrà lasciato ciondolare in un bicchiere vuoto, posizionato al centro.

esperimento-scientifico-colori-quandofuoripiove

Tutto qui. Non resta che aspettare un paio d’ore per vedere a poco a poco l’acqua risalire lungo la carta e confluire al centro, dove i due colori primari si mescoleranno per dare vita a un inaspettato verde brillante!

Un paio d’ore… nessun quattrenne può tollerare una simile vuota immensità, per questo si è resa necessaria una versione forse meno interessante dal punto di vista scientifico, ma certo più interattiva!

Per i bimbi più piccoli sarà questa l’occasione giusta di sfogarsi con i travasi e piccole quantità di liquido colorato che, passate da un bicchiere all’altro, faranno cambiare continuamente le tonalità di verde. Ma per chi è già uscito da questa fase occorre introdurre un elemento nuovo e affascinante: una siringa senza ago!

esperimento-scientifico-bambini-quandofuoripiove

esperimento-scientifico-quandofuoripiove

E, se siamo fortunati, anche per questa sera abbiamo ricavato il tempo necessario per preparare la cena…

Prova a leggere anche:

CONDIVIDI
Articolo precedenteTremendamente diversi
Articolo successivo15 motivi per leggere, per grandi e piccoli
Dopo anni di scavi in giro per l'Italia come aspirante archeologa, ho deciso di prendere in mano una passione e trasformarla in lavoro, e ho iniziato la mia carriera come photo editor per una casa editrice. Con l'arrivo di mio figlio ho cancellato il concetto di tempo libero dal vocabolario e, quando ero ormai prossima a gesti estremi, mio marito ha rispolverato la Canon e mi ha messo davanti a una tastiera con un solo comando "fai qualcosa, una cosa qualunque!" L'ho preso alla lettera e ho aperto www.quandofuoripiove.com

LASCIA UN COMMENTO