Il parmigiano vegetale

3

grana-fintoUna delle tante cose che è semplice riciclare in casa è il pane. Con il pane secco si possono cucinare preparazioni molto buone. Vivendo in Alto Adige, poi, non posso dimenticare i canederli fatti di pane raffermo e il ripieno dello Strudel con pangrattato, zucchero e cannella.

C’è un modo che adoro e che utilizzo spesso per usare anche i pezzi piccoli di pane vecchio: il pangrattato aromatico. È un metodo che ritengo furbo, in casa nostra lo si chiama grana dei poveri e serve per sostituire il formaggio sulla pasta o per gratinare al forno.

Gli ingredienti sono pochi ed il sapore è davvero sorprendente:

erbe aromatiche fresche miste a scelta tipo salvia, rosmarino, maggiorana, timo, menta, origano (se si utilizzano quelle secche il gusto sarà meno ricco ma comunque buono)

un bicchiere di pangrattato

un pizzico di sale

4 cucchiai di olio

Una volta tritate finemente a coltello o con il mixer, le erbe vanno miscelate con il pangrattato e il sale. Si scalda l’olio in una padella antiaderente e si tosta tutto per un paio di minuti mescolando attentamente.

Abbiamo ottenuto un’alternativa vegana, croccante e saporita al solito formaggio in pochissimi minuti.

Oltre che sulla pasta, si può utilizzare per tutte le preparazioni al forno, anche le semplici verdure gratinate con questa copertura diventano golosissime.

Logicamente la ricetta è personalizzabile seguendo i propri gusti sia per quanto riguarda le erbe aromatiche sia per le aggiunte, io per esempio in fase di tostatura metto anche semi di sesamo o girasole o mandorle e tanto peperoncino.

Il pangrattato non tostato poi, cioè saltando il passaggio in pentola, può essere utilizzato per rendere sfiziose le normali impanature.

Spero di avervi convinto a non buttare mai nessun pezzetto di pane, buon riciclo!

– di solofrancesca

Prova a leggere anche:

3 COMMENTI

  1. Mmmmm bell’idea, proverò, grazie! Si può preparare in abbondanza in anticipo e conservarlo in qualche modo oppure bisogna farlo volta x volta ?

  2. l’ho provato la prima volta su crepes ripiene di ricotta e spinaci, con besciamella vegana (solo acqua e un pochino d’olio, niente latte e burro) e questo al post del formaggio sopra per gratinare. Per tostarlo ho usato anche meno olio. Risparmio sulle calorie assicurato e risultato apprezzatissimo

LASCIA UN COMMENTO