genitorisbroccano

genitorisbroccano è lo spazio da usare quando senti di avere solo voglia di urlare.
Quando non ne puoi più.
Quando senti che le tue qualità di mamma o papà paziente stanno venendo meno.
Quando tutti i tuoi buoni propositi sono miseramente crollati davanti all’incomprensibile ostinazione dei tuoi figli.
Quando hai mandato a farsi benedire tutte le tue più radicate convinzioni circa l’allenamento emotivo e l’empatia.
Quando sei riuscito a mettere tuo figlio in punizione già 3 volte da quando si è svegliato, e sono appena le 8.30 del mattino.
Quando hai ormai raggiunto la definitiva convinzione che sei una pessimamma o un papàpessimo.

Questa è una stanza insonorizzata: fuori da qui non sentono nulla. Ti leggeranno solo altri genitori solidali che sanno benissimo come ti senti.
Qui è vietato dare consigli (soprattutto quelli buoni).
Qui è vietato trovare soluzioni.
Qui è vietato citare “metodi”.
Qui è vietato fare i saputelli!
I commenti autorizzati sono solo le pacche sulle spalle: sarà nostra cura rimuovere ogni altro tipo di commento.

Da questo momento potete urlare! Nulla è inconfessabile per genitorisbroccano!

PS: Se invece hai bisogno di consigli, cerca un articolo nel resto del sito che faccia il caso tuo, e posta un commento lì : genitoricrescono.com

3733 COMMENTI

  1. Va bene dai mi aggiungo anche io agli sfoghi. Sono una ragazza di 21 anni con un figlio da quasi 2 anni. Del padre non ne parlo nemmeno. Sto affrontando tutto da sola..per modo di dire, ho i miei genitori che mi danno una grandissima mano.. ma senza un compagno è triste. Credevo tanto nella famiglia e non l’ho potuta dare a mio figlio. Da quando ha 7 mesi ho iniziato a lavorare. Casa, lavoro, casa,lavoro. Sento di aver buttato via la mia vita. Vorrei poter uscire e divertirmi, andare a bere, andare al cinema. Non posso fare niente di tutto questo. Lo sto ancora allattando perché non riesco a staccarlo e sono frustrata. La notte non mi lascia dormire e non so dove trovo le forze per andare al lavoro. Quando non lo vedo mi manca ma ringrazio di avere un lavoro dove almeno ho un po’ di tempo per me. Ora ho un ragazzo e con un figlio piccolo è così difficile iniziare una relazione. Già solo trovare il tempo per frequentarlo non so dove è saltato fuori, va di fortuna che siamo colleghi. Vorrei scappare lontano e riniziare una nuova vita. Non farei mai più un figlio. Una volta che diventi mamma e sei sola smetti di avere una vita decente.

  2. Sono madre di una bimba di 2 anni, e questa condizione la vivo veramente male perché da quando sono madre la mia è una non vita. Ormai io come persona non esisto più e che vadano a quel paese quelli che dicono “devi prenderti del tempo per te” oppure “ricordati che sei anche donna oltre che madre” perché poter seguire questi consigli è privilegio di chi ha una mano, non per chi è sola e si deve arrangiare. La mia vita sentimentale non sò più nemmeno che fine ha fatto, ormai il mio tempo e le mie energie sono tutte dedicate a mia figlia e non sempre bastano. Arrivo a fine giornata che sono distrutta psicologicamente, e l’ultima cosa che mi passa per la testa è fare l’amore con mio marito. La mia massima aspirazione è quella di poter cenare una sera in pace, guardarmi un film senza pianti e interruzioni e andare a dormire senza la paura che mia figlia mi sveglierà durante la notte……altro che sesso! Ovviamente mio marito col cavolo che comprende, anzi fà la vittima, poverino lui che non viene considerato. Però non sia mai che gli passa per la testa di darmi una mano così magari la voglia mi viene! Lo odio e odio la mia scelta di aver fatto un figlio con un coglione del genere ma, soprattutto, di aver fatto un figlio. Ero molto più felice prima. Per questo quando mi chiedono: “quando il secondo?” Vorrei rispondere: “tornassi indietro non farei nemmeno il primo” ma purtroppo non si può, pena essere bollata come psicopatica, perché se hai le ovaie i figli devono essere un tuo scopo naturale no? Odio tutto di questa vita e odio la gente quando si tratta l’argomento madre, perché è ipocrita! Gli stessi che ti accusano pensano le tue stesse cose e alcuni di loro non hanno il coraggio di ammetterlo nemmeno a se stessi.

    • E poi crescono è ancora peggio sei tu la madre e la colpa è solo tua se solo fanno i guai tu gli parli e gli spieghi che non fà e loro sbattono la porta ti insultano e vanno fuori a combinare chissà che cosa

    • Ho una figlia che ha quasi due anni e dal giorno in cui e’ nata sto vivendo un incubo. Non ho piu’ genitori, abito lontano dai nonni paterni di mia figlia e dagli amici. Vicino ho solo un compagno che da quando sono rimasta incinta mi ha reso la vita un inferno. Esiste solo la bambina, io non esisto piu’. Dicono che sono malata, mi stanno imbottendo di farmaci. Probabilmente, anzi sicuramente, lo sono anche, la mia identita’ e’ andata in pezzi dopo il parto, ma la verita’ e’ solo che ho creduto alla marea di boiate sull’amore e sul diventare madri. “Un figlio e’ il coronamento dell’amore tra due persone” (Ora vorrei solo mandare al diavolo il mio compagno…Maledico il giorno in cui l’ho incontrato). “Essere madri e’ faticosissimo, ma ne vale sempre la pena”…. “Il sorriso di tuo figlio ti fa dimenticare tutto” ecc.. ecc.. Balle colossali. Amo mia figlia, mi sento terribilmente in colpa a scrivere queste cose, terribilmente ingrata, ma l’amore che provo per lei non e’ ( o non e’ ancora, dopo due anni) quell’amore totalizzante e incondizionato di cui parlano. Spero di guarire e di essere travolta da questo genere di amore, un giorno, lo spero con tutta l’anima. Non oso pensare a quando mia figlia sara’ piu’ grande.

  3. Mio figlio 18 anni non studia e non lavora ruba in casa ci minaccia oggi scenata perché gli ho chiesto di aiutarmi a lavare i pavimenti non c ‘è la faccio più

    • Scusa ma perche non tagliargli i viveri?un ragazzo non si dovrebbe mai permettere di rubare e minacciare..ha 18anni,che si prenda le proprie responsabilita..vada via di casa e provi cosa vuol.dire…a volte devono sbatterci la testa

  4. Ciao a tutte, è bello sapere che esistete,mamme imperfette proprio come me!io sono una ragazza di 35anni con un bimbo di 10,una di quasi 6 e il terzo nella mia pancia!
    Sono sola tutto il giorno,tutti i giorni tranne la domenica,ho i nonni lontani perché vivo in un paesino da cui non siamo originari né io né mio marito.
    I primi anni è stata durissima, quando si ammalavano non uscivo per settimane,senza spesa,a volte senza poter comprare le medicine fino alla sera che tornava mio marito,quando si ammala la piccola,il grande salta chitarra, batteria,scout,calcio… quando mi ammalo io il disastro in terra proprio!essere sola 24/24 con i bimbi soprattutto per i primi odiosissimi tre anni in cui non c’è asilo,non è stato uno scherzo,ho avuto depressione,ansia,mi sono sciroppata anni di merda,continuando ad avere giudizi ignoranti da gente inutile che ancora mi dice che sono fortunata perché non lavoro!allora io non lavoro perché non ho nessuno che mi accudisce i bambini e che me li restituisca già docciati e a volte anche già fatto da mangiare da molti nonni di mamme che conosco e che si lamentano!ma loro possono lamentarsi perché lavorano!ah dimenticavo in tutti questi anni ho fatto anche pulizie domestiche al mattino quando c’era l’asilo ovviamente.uno stipendio col mutuo due macchine non basta! volevo dirvi con questo che c’è gente che giudicherà sempre, l’ignoranza è questa!io sono una mamma che dice parolacce,che urla,che perde facilmente la pazienza,ma so essere anche tanto amorevole,so confortarli,so scusarmi,so farmi vedere con le mie debolezze quando piango senza nascondermi,so giocare con loro,so renderli partecipi Delle mie cose,parlo tanto con loro,gli insegnò mille cose,altri giorni sono più stressata e mi incazzo per niente,meno,urlo e faccio schifo!sono convinta che tutte noi facciamo qualcosa di buono che altre mamme non fanno!coraggio e concentriamoci sulle nostre vite lasciando perdere quelle degli altri!

    • Tesoro purtroppo viviamo in un mondo per cui, se non lavori, sei meno donna e meno madre. anche io ho ricevuto giudizi come te e ho.imparato a fregarmene perche lo so solo io il mazzo che mi faccio per la famiglia. Sicuramente anche le mamme che lavorano son stanche, ma come tutte le mamme! Io non capisco il perche di questa “guerra” da donne chee cmq stanno dalla stessa pArte della barricata. Coraggio!

    • Tre bimbi in 5 anni. Adesso sono in maternità perché la piccola ha solo 5 mesi e non vedo l’ora di tornare al lavoro. Tanta ammirazione per te e per le mamme che come te si dedicano completamente alla famiglia. Io lo ammetto, non potrei farcela. Tutti mi dicono di godermeli ora che son piccoli, che rimpiangerò questi anni…ma io sono sicura di no. Li adoro, sono 3 bambini stupendi e sono fortunata per questo ma sono anche tutti e 3 così piccoli e così bisognosi! Io ho bisogno che crescano un pooooooo!!!!!!

  5. Ok….mi sfogo anch io!!!!Alle prese con un quattordicenne che si chiude in camera sua,viene a mangiare sbuffando e ritorna nella tana senza dire una parola.Studia poco,ma poi si lagna se prende un voto brutto.non vuole più uscire con noi ..e vabbe’questo ci sta…..infatti ci portiamo sempre qualche suo amico!è che mi sono tanto dedicata a lui che ora non so più che fare io….adesso che ho tempo per me non riesco a far nulla…forse è questo che mi fa star male…per fortuna ho ricominciato a lavorare a tempo pieno,mi troverò qualche hobby e riprenderò a fare sport…..forse…….

    • Coraggio, è solo questione di ritrovare il passo giusto. Intanto il lavoro a tempo pieno fa bene, così anche lui dovrà imparare a organizzarsi lo studio da solo e se prende un brutto voto non potrà scaricare la colpa su nessun altro.

  6. Sono stanca morta.
    Lavoro, figli, figli, lavoro, lavoro, faccende e questioni domestiche, lavoro, figli, impegni domestici, figli, lavoro, lavoro, lavoro, figli, problemi domestici, lavoro.
    Sono un automa, che fa il suo dovere.

  7. In cerca di conforto solidale mi sn imbattuta in questa terapeutica stanza dove ho proprio voglia di strillare perché sfinita e sfiancata da una figlia adolescente che mi sta corrodendo il sistema nervoso …sono stata mamma da manuale e questo risultato disastroso mi sta portando dritto in neuropsichiatria perché assisto inebetita giorno dopo giorno alle idiozie sconclusionate di mia figlia che nonostante le sfuriate,le urla,le minacce, le punizioni,le ciabatte lanciate dietro…il giorno dietro torna a far peggio,come se il suo scopo fosse “annientare mia madre” con la faccia da angioletto giorno per giorno…se l affido a uno psicologo si sa gia come finisce:madre colpevole,figlia vittima….loro sono sempre i poverini da salvaguardare e noi le bestie feroci da ricoverare……io sono esausta…non passa giorno che non urli e che non abbia voglia solo di tirarle dietro qualcosa….tutti i tentativi possibili fatti..esauriti…confronto pacato,smancerie,occhi negli occhi,mani nelle mani,tono serio,tono minaccioso,tono isterico…..ma cosa mi resta da fare?posso solo aspettare che si sposi e se ne vada altrove?puo ridurmi a una simile esasperazione?qui non é l’errore saltuario e comprensibile di una ragazzina..qui é quotidiana follia…come un piano studiato ” faccio sbroccare mamma finché la ricoverano e me la levo dalle scatole tanto lo psicologo da ragiome a me”…….aiuto! Aiuto davvero!

    • No, ma ci credo. Poi qui è capitato che dopo un periodo del genere, è seguito un periodo di calma. So che è apparente o magari solo temporanea. Però almeno riprendo fiato. Coraggio. (Non serve che si sposi per andare altrove, per fortuna 😀 )

    • Non ci crederai ma ho la versione maschile di tua figlia, ragazzino 12 anni che non fa altro che farmi girare le scatole tutti giorni, e tutti i giorni ne inventa una per farmi esaurire, a scuola non ne parliamo, alla fine della terza media mi faranno una targa con i ringraziamenti per tutte le cose che ha rotto e che noi poveri genitori abbiamo dovuto rimediare con un contributo volontario, ti capisco e sono solidale con te, sembra proprio che vogliano annientarci, il mio è pure dislessico così quando gli parli le cose le devi ripetere 100 volte e lui al solito fa al contrario,pensa che sono dovuta ritornare a scuola per imparare come aiutarlo a studiare un casino senza fine, facciamoli conoscere? così prendiamo un po’ di pace e una boccata d’aria

    • Ciao, io mi trovo nella tua stessa situazione. Sono finita su questo blog proprio perché presa dallo sconforto più totale. Sono arrivata ad un punto di dire che non la sopporto più. E non mi sento cattiva per questo.

LASCIA UN COMMENTO