genitorisbroccano

genitorisbroccano è lo spazio da usare quando senti di avere solo voglia di urlare.
Quando non ne puoi più.
Quando senti che le tue qualità di mamma o papà paziente stanno venendo meno.
Quando tutti i tuoi buoni propositi sono miseramente crollati davanti all’incomprensibile ostinazione dei tuoi figli.
Quando hai mandato a farsi benedire tutte le tue più radicate convinzioni circa l’allenamento emotivo e l’empatia.
Quando sei riuscito a mettere tuo figlio in punizione già 3 volte da quando si è svegliato, e sono appena le 8.30 del mattino.
Quando hai ormai raggiunto la definitiva convinzione che sei una pessimamma o un papàpessimo.

Questa è una stanza insonorizzata: fuori da qui non sentono nulla. Ti leggeranno solo altri genitori solidali che sanno benissimo come ti senti.
Qui è vietato dare consigli (soprattutto quelli buoni).
Qui è vietato trovare soluzioni.
Qui è vietato citare “metodi”.
Qui è vietato fare i saputelli!
I commenti autorizzati sono solo le pacche sulle spalle: sarà nostra cura rimuovere ogni altro tipo di commento.

Da questo momento potete urlare! Nulla è inconfessabile per genitorisbroccano!

PS: Se invece hai bisogno di consigli, cerca un articolo nel resto del sito che faccia il caso tuo, e posta un commento lì : genitoricrescono.com

3500 COMMENTI

  1. Buona sera,

    leggo i commenti e penso all’esperienza di mia madre. Donna straniera nell’Italia ricca anni 90, matrimonio disastroso, due figli discreti e tantissime difficoltà amplificate per la padronanza iniziale della lingua italiana, marito con svariati problemi, e la crescita dei bambini.
    Sono passati tanti anni e io sono la testimone di una donna normale che ne ha vissute di tutti i colori, noi figli da piccoli abbiamo creato gli stessi problemi descritti dalle mamme di questo sito.
    Ne ho parlato con mia madre, donna vicina ai 70, molto informa, super lavoratrice e ha commentato dicendo che la colpa se di questo si puo’ parlare e’ generazionale. Ogni cosa, malumore viene amplificato tanto che le madri raggiungono l’isteria più dei figli. E’ triste.
    Conosco madri di diverse nazionalità e devo dire che questa cosa e’ forse più “italiana” di altri paesi. Trovo che nei paesi del Nord ma anche più nell’Est, le mamme siano più stabili mentalmente.
    Dipendera’ dall’educazione, cultura tanti fattori.
    Forse noi italiane siamo più sensibili, più mammine, più tutto. Non credo questo gioverà ai nostri figli, dovremmo preoccuparci più di noi stessi con una mano ferma verso i figli, senza farli credere che possono tutto, che ogni sogno e’ realizzabile realmente. Più autorità amorevole, più realismo verso le cavolate quotidiane.

  2. Sono stufa …. Tre anni e mezzo e sto peggio di prima! Nn ascolta si oppone in tutto! oggi ennessima lamentela anke da parte dei ragazzi di un parco giochi a pagamento in un centro commerciale ! Due volte c’è l’ho portato e due volte mi dicono che gli ha fatto passare le pene dell inferno perché voleva fare lo scivolo al contrario! Mi sono vergognata! Ebbene sì mi vergogno di mio figlio che sembra sempre l unico a nn ascoltare nessuno nonostante cerchiamo in tutti i modi di dargli regole!ma che cosa devo fare? Rinchiuderlo? Eppure al parco giochi all aperto sembra normale…. Ora sono arrivata al punto di vergognarmi e ogni volta che sento lamentele mi sento male e incapace di educarlo… Lo amo tanto ma allo stesso tempo nn lo sopporto ci sarà un giorno che potrò essere fiera di lui? Ormai sono demoralizzata nn so più che fare…

    • Ciao, anch’io provo le tue stesse sensazioni. Ho un bambino di 5 anni e in tante circostanze sembra che sia l’unico a disobbedire e a farmi vergognare di lui. Anch’io lo amo da morire, ma la sofferenza e lo stress che mi causa quasi in tutte le circostanze mi fanno a volte pentire di averlo desiderato.

  3. Io non capisco. Davvero. Mio figlio ha compiuto 6 anni da pochi giorni. Non lo sopporto più. È un continuo “no” “mai” e sfidare. “Smettila” detto per 47 volte non basta. Lui lo rifà guardandoti negli occhi… e li mi parte l’embolo. Tirata di orecchie o di capelli. Lui lo sa e si ripara ma intanto ti sfida. E le cose per cui urlo sono sempre le stesse. E lui fa apposta a non farle o a farle male. Poi non piange… è duro e si tiene tutto dentro quindi tu a volte ti senti male e altre ti verrebbe da riempirlo di schiaffi. Il papà? A volte gliele da vinte in disaccordo totale con me. I nonni? Poverino su tutto. Non mangi il pesciolino? Aspetta che ti tirò fuori altre 32 portate di schifezze! E grazie al cazzo che non mangia ciò che ha sul piatto! Non riesco più a parlare con lui, non riesco a giocarci o a stargli vicino. Ormai non lo tengo neanche più vicino. Anche se abbiamo qualche ora giusta so che comunque la giornata finirà a urla! Non so che fare. Non lo so proprio

LASCIA UN COMMENTO