West side story de noantri

22

Mio figlio ha fatto una cosa da maschio.
No, mi correggo: mio figlio ha fatto una cosa da maschio deficiente.
No, mi correggo ancora: mio figlio ha fatto una cosa da deficiente.
Si è azzuffato con il suo migliore amico… per una questione di … donne.

L., il migliore amico del Sorcio, è fidanzato con la corteggiatissima M.
Qualche giorno fa M. è uscita da scuola tenendo la mano a R., piuttosto che al suo fidanzato L.
Il Sorcio, da vero imbecille (lasciatemelo dire, che sono la madre e sono autorizzata!), ha pensato bene di sfottere L. perchè la sua ragazza dava la mano ad un altro!
L., già contrariato di suo dalla cosa, gli ha mollato un papagno e se le sono date (veramente ognuno dei due sostiene di aver solo simulato un colpo per intimidire, mentre sarebbe stato l’altro a far partire la prima sberla, quindi non sapremo mai chi ha colpito per primo!).
Ovviamente, dato che erano in fila per uscire, dopo pochi istanti sono stati beccati dalla maestra che, ovviamente, li ha strapazzati per benino e credo che abbia preso un appunto sui loro curricula scolastici di cui troveremo traccia anche all’ammissione all’università.

Già una mamma è di per sè non è contenta quando ritira un figlio tenuto per la collottola dalla maestra furente perchè si stava azzuffando con un compagno. Poi quando viene a sapere che lo ha fatto perchè “se M. è la fidanzata di L., mica può parlare con un altro!!!“, allora si che suonano tutti gli allarmi!

Prima questione affrontata: una donna, una ragazza, una bambina non è proprietà di nessuno, tantomeno del suo fidanzato! (Oddio, solo a pensare che lo ha pensato mio figlio mi manca l’aria).
Seconda questione affrontata: una donna, una ragazza, una bambina, parla con chi le pare e lo stesso vale per chiunque.
Terza questione affrontata: non non si fa a botte, comunque.
Quarta questione affrontata: non c’era nessun motivo per prendere in giro il tuo amico.
Quinta questione affrontata: cosa vuol dire essere fidanzati a sette anni, cosa vuol dire essere amici sempre.
Sesta questione affrontata: vabbè, ma almeno non fatevi beccare dalla maestra (si, lo so… questo non è molto educativo, ma io nei confronti della scuola resto alunna a vita come visione del mondo!)

Successivamente: oddio, dove ho sbagliato? Dove ha sentito certe cose? Potremmo aver trasmesso involontariamente certi concetti? Questa visione del rapporto uomo-donna gli deriva dalla famiglia? E se invece è l’ambiente esterno che veicola questi messaggi machisti, come possiamo contrastarli con l’educazione?

Più tardi l’Ingegnere viene a sapere la faccenda.
Unica questione affrontata: ehi, ma che ti metti a prendere in giro un amico? Devi stare dalla sua parte!
Solo una serie di occhiatacce furenti da parte mia l’ha costretto a spendere due parole sul resto…

(Aggiornamento, per la cornaca: M. ha lasciato L. perchè si è resa conto che pensava anche a R., quindi ha concluso che era meglio non essere fidanzata con nessuno… Poi dici le donne…)

Prova a leggere anche:

22 COMMENTI

  1. Posso fare l’avvocato del Sorcio?
    Se ho capito il tipo, la questione fidanzata non c’entrava poi granchè. Gli hai chiesto se per caso non avesse qualcosa di irrisolto con L. per cui lo ha preso in giro alla prima occasione? Non ci posso credere che il Sorcio dia il colpo di grazia all’amico in difficoltà (ammesso che lo fosse)…
    E comunque io gli avrei detto:
    1) non si fa a botte. MAI. Passo metà del mio tempo con TopaGigia a ripetere “tottò no!!!” in questi giorni, e ieri l’ho dovuta portare via a forza da casa della nonna perchè continuava a dare botte a destra e a manca. Mi fa ancora male il naso.
    2) ma di che t’impicci degli affari del tuo amico? saranno un po’ affaracci suoi se qualche comportamento della sua fidanzata gli dà fastidio o meno? avrà il diritto di vedersela lui con lei senza voi rompiscatole fra i piedi???
    3) ma che si prende in giro un amico per una cosa spiacevole? (si, qui sono d’accordo col papa’)
    4) fra moglie e marito non mettere il dito.

  2. Si, dai bisogna prendere sul serio i loro sentimenti..
    Ma siamo sicuri che ce l’hanno ‘sti sentimenti?
    Se tuo figlio rinnega la fidanzata in quel contesto, di cosa stiamo parlando. Forse inizio a capirti…!

  3. Non ho letto gli altri commenti ma…

    7 anni, ok, presto per parlare di fiori d’arancio, ma per loro sono cose serie! E non è carino dirgli il contrario… Mia figlia, 5 anni, è dall’anno scorso fedelmente innamorata di un bimbo più grande, che non la vuole (e gliel’ha detto) ma lei non cambia strada “lo amo, e lo amo anche se non mi vuole, e voglio sposare solo lui”. Ok, ne conoscerà altri 1000, ma dirglielo ora non è carino…

    Poi, lei è fidanzata, ora se hanno stabilito questa cosa insieme, è un impegno. Può parlare con chi vuole, ma questa stava mano a mano con un altro. Se beccassi mio marito mano a mano con un altro gli tiro una padella dietro… Ok, ok, hanno 7 anni, evabbé, dai, niente padelle, però gli concedi che un po’ girano? 😉

    E l’amichetto suo… ok, quella del “non va bene prenderlo in giro” qui mi trovo al 100%, e anche sul discorso “amici per una vita”. Discorso giustissimo e ottima occasione. E magari anche giusto che il sorcetto abbia poi chiesto scusa a L. Però poi dubito che esistano amici che sono amici fin dalle elementari se non prima, che non se le siano date almeno una volta!

    Alla loro età? Oddio, io anche a 13 anni ero moooolto più tonta!!!

LASCIA UN COMMENTO