Tema del mese: verso l’adolescenza

3

verso-adolescenza
Mi viene spontaneo completare il titolo in “verso l’adolescenza e oltre“, prima di tutto perché non si capisce bene dove inizi e dove finisca questa adolescenza.
Ufficialmente l’adolescenza è quella fase della vita che va, nell’accezione più ampia, dai dodici ai venti anni e che conduce dall’infanzia all’età adulta.
Vent’anni? Ma davvero un giovane essere umano di vent’anni è ancora un adolescente? Sì, tutto sommato direi proprio di sì e molto spesso, soprattutto per la generazione dei nostri figli, lo è anche oltre quell’età.
Prima dei dodici anni sono spuntati fuori, dalla letteratura socio-pedagogica, anche un paio d’anni di pre-adolescenza, fase evolutiva dell’essere umano sconosciuta alle generazioni precedenti: del resto noi eravamo adolescenti, a tutto voler concedere, dai quattordici anni; prima (e a volte anche un po’ dopo) eravamo irrimediabilmente bambini.
Insomma, questa adolescenza, tra pre- e post-, l’abbiamo dilatata più possibile, tirandola e allungandola fino a coprire addirittura dieci anni della vita umana. Dieci anni di rivoluzione.

Ora, a pensarci bene, io non credo di poter sopravvivere a dieci anni consecutivi di adolescenza di mio figlio. In una famiglia con due o tre figli, con età abbastanza prossime, si arriva come niente a quindici anni di adolescenza complessiva, spesso anche sovrapposta.
Sono riuscita a seminare il panico?

Ma perché l’adolescenza dei nostri figli ci fa così paura?
Essenzialmente perché fa paura a loro e noi non abbiamo strumenti per scacciare questa paura, come abbiamo fatto per le paure dei mostri, del buio e dei lupi cattivi o delle streghe. Stavolta dobbiamo scacciare paure che assomigliano sempre più alle nostre e dobbiamo combattere pericoli reali, siamo costretti a guardarli in faccia e chiamarli con i nome delle preoccupazioni vere, difendendo figli che ci sfuggono, perché quello è il loro compito.
Perché l’adolescenza è un colpo di acceleratore: a un certo punto succede tutto in fretta e anche loro, i ragazzi, iniziano a funzionare in fretta, cambiare in fretta, mentre sono convinti di essere impantanati in un lunghissimo e immutabile presente che li opprime.

L’adolescenza, dunque, è crescere e cambiare: ma non sono per i figli. Loro crescono e cambiano in modo evidente, con questi arti che si allungano, questi corpi che aumentano. E noi genitori? Siamo obbligati a crescere e cambiare almeno quanto loro, ma non abbiamo neanche la spinta della gioventù, e spesso i nostri corpi stanno cambiando in un’altra direzione. Nessuno può stare fermo in adolescenza: né loro, né noi.

Durante questi cambiamenti, è facile perdersi di vista, non riconoscersi più: tu non capisci, tu non mi capisci. Ed è vero, bisogna ricalibrare tutto e quindi ritrovare le parole per dialogare, diverse da quelle dell’infanzia, diverse da quelle che saranno da adulti.
L’adolescenza è il periodo in cui non ci si capisce: spesso non si capisce neanche se stessi, figuriamoci gli altri.
E allora proviamo a spiegarci: proviamo a capire noi stessi, come reagiamo ai cambiamenti, anche da adulti; a capire i nostri figli, che cambiano così velocemente e non sanno spiegarsi. Proviamo a resistere, proviamo a prendere questa energia di cambiamento e indirizzarla in modo costruttivo. Parliamo insieme di adolescenza, scambiamoci le esperienze, le “strategie di sopravvivenza” e soprattutto quello che abbiamo imparato dal cambiamento.

Prova a leggere anche:

3 COMMENTI

  1. Non avevo mai messo a fuoco cosa mi facesse paura all’idea dell’adolescenza dei miei figli (ancora di là da venire) e tu me lo hai descritto benissimo: il non poterli proteggere come li proteggo adesso da un brutto sogno, dalla paura del buio, dal mostro di un film.
    Però credo sarà anche un’avventura grandiosa, tutta da vivere!

LASCIA UN COMMENTO