Rivoluzione EasyCOOP, la spesa la faccio da casa

0

E’ arrivato esattamente alle 11.30, con il suo furgone coibentato EasyCOOP.
Poco prima mi è arrivato un sms in cui mi dicevano che stava per arrivare e mi mandavano anche la sua foto, che non è bene aprire agli sconosciuti.
Ha portato su tutta la spesa (freschi e surgelati compresi, ben custoditi nella borsa termica e, per tutto il viaggio, in un pozzetto freezer) fino alla porta di casa e ha scaricato dalle sue cassette dei sacchettoni resistenti, ben divisi e ordinati, con le cose pesanti sul fondo e quelle fragili sopra. Qui c’è l’ascensore, ma l’avrebbe portata sul pianerottolo comunque.
Gentile, affabile, abbiamo scambiato due chiacchiere mentre armeggiava con il suo POS portatile. Ho pagato con il bancomat (ma avrei potuto usare una carta di credito, anche prepagata, o pagare prima online con la carta di credito) e via, è ripartito per una nuova consegna.

EASYCOOP SPESA ON LINE
Ora ho la mia spesa settimanale qui, devo solo metterla in frigo o in dispensa.
Ho preso anche il pesce fresco: le cozze in particolare, che vorrei fare degli spaghetti a pranzo. E poi le alici, già pulite e pronte per una veloce infornata con prezzemolo e pangrattato (ho preso anche quello, che era finito, anzi, ne ho presa una scorta). Ho preso anche una porzione di tartare di tonno, solo per me, che tanto quei due sono insensibili e non apprezzano: quella va per cena.
Corro a metterei in freezer i gelati, coni e croccanti Coop, per le merende, dato che loro me li hanno consegnati senza un minimo di perdita di temperatura, ci mancherebbe che li facessi sciogliere io.
Mi sono accorta che ho dimenticato di ordinare il deodorante e ormai era passata l’ora per aggiungerlo alla spesa. Me ne fossi ricordata qualche ora prima, avrei potuto farlo. Vabbè, metto nel carrello per la settimana prossima, come le altre cose da comprare che mi verranno in mente giorno per giorno. Anzi, devo dare l’accesso anche a marito e figlio, così aggiungono anche loro (tanto poi il carrello lo ricontrollo io prima di ordinare!).

Mamma mia! Ma quanta roba ho preso? Se fossi dovuta andare al supermercato oggi, con questo caldo e la ressa del venerdì, avrei perso almeno due ore, tra andare, parcheggiare, caricare, tornare, scaricare. E soprattutto sarei sfinita. Invece ho lavorato tranquilla al computer mentre aspettavo il mio corriere preferito.
Oggi ho lavorato da casa e così, essendo reperibile tutta la mattinata, ho approfittato di un prezzo di consegna bassissimo: ma sì, consegnate pure quando volete, tra le 8.00 e le 15.00.
Certo, se fossi dovuta uscire, avrei ristretto l’orario, che so, dalle 13.00 alle 15.00, o magari in serata. Avrei pagato un po’ di più, ma ne sarebbe valsa la pena comunque. Potevo restringere l’orario di consegna fino a un’ora precisa, di quarto d’ora in quarto d’ora, tipo: 13.15 – 14.15. Certe comodità è giusto che si paghino. Ma capita spesso che non sia necessario un orario così ristretto: ne approfitto e risparmio.
E risparmio anche sui prezzi dei prodotti, perché non è che io abbia sempre tempo di andare all’ipermercato dove piovono le offerte speciali. Qui invece i prezzi sono sempre da ipermercato, anzi, sono allineati con quelli dei migliori ipermercati cittadini e ci sono le stesse offerte degli ipermercati Coop. Sarà che, per esperienza, mi sono sempre trovata benissimo con Coop, sia con le loro linee a marchio Coop (che sono tantissime, alcune neanche le conoscevo e qui ci sono tutte), che con ogni altro prodotto.
Per fare un esempio pratico: qui ho carne scelta (pure le cotolette d’agnello!) e pesce fresco, i tortellini di qualità, shampoo, legumi biologici, insalate in busta, gelati, oltre a tanti altri prodotti e la mia spesa è costata € 108, tutto compreso.

EASYCOOP SPESA ON LINE
Uh, ecco mamma, ha detto che passava, era curiosa di vedere questa spesa online consegnata a casa.
Le avevo consigliato: “Cosa vai a fare al supermercato a caricarti con quel ginocchio?! Fatti portare tutto a casa e poi, se vuoi fare la spesa per divertimento, vai a comprare al negozio preferito giusto quelle cosine più sfiziose. Ma che divertimento c’è a caricare casse d’acqua e pacchi di carta igienica?“. Dice che ha paura sia difficile. “Proviamo una volta insieme e poi fai da sola, che per ordinare scarpe o vestiti negli outlet online non hai mai avuto difficoltà!“. E’ convinta, proverà anche lei. Soprattutto si è decisa vedendo come è ben imbustata la spesa: lei è maniacamolto precisa quando imbusta alle casse del supermercato.
Magari come incentivo le do il codice sconto di € 10, da utilizzare per una spesa minima di € 50 (ci vuole poco a spenderli per la spesa settimanale!): basta inserire FATTOREMAMMA_10 nell’apposito campo e viene subito scalato lo sconto. “Però aspetta, mamma, usalo alla seconda spesa, perché per la prima, dopo la registrazione, c’è già uno sconto automatico, uguale, applicato da EasyCOOP. Così hai due spese scontate“.
Pure io sono più tranquilla se so che non va per ipermercati a trafficare con buste e pesi. Per una persona anziana piena di mille interessi, sarà meglio uscire per una passeggiata che per la spesa.

il furgone di Giuseppe parcheggiato davanti al mio portone
In EasyCOOP sono stata la settimana scorsa: ci hanno invitato a vedere da vicino il nuovo sistema di spesa online di Coop. Mi sembra proprio che siano partiti in grande stile: se c’è qualcosa ancora da mettere a punto, sono dettagli. Il dark store (che sarebbe un ipermercato, perfettamente informatizzato, non aperto al pubblico) è un gioiello di efficienza e pulizia, dove le norme igieniche e quelle sulla conservazione degli alimenti sono rispettate con precisione estrema.
Mi hanno colpito queste persone: formano un’azienda che condivide i valori Coop, in cui c’è davvero cooperazione e condivisione di un progetto, dall’amministratore delegato al picker che materialmente assembla le spese dei clienti. Uno staff giovane, competente e motivato.
Certo, non so come abbiano avuto il coraggio di affrontare come prima città Roma! (per ora entro il GRA e anche fuori per le zone con CAP che inizia dentro il GRA). Devono essere proprio stimolati dalle sfide difficili. La mobilità di Roma la conoscono solo i romani e sanno perché mi stupisco tanto che la città pilota sia proprio la nostra. Però è anche vero che, se fanno funzionare un servizio di consegna in fasce di un’ora a Roma, poi potranno affrontare qualsiasi altro luogo della penisola.

Insomma, a me sembra che un servizio di spesa online e consegna a casa sia davvero un sollievo per le famiglie, per le persone anziane (consegna gratis per chi ha disabilità certificate), per chi ha impegni di lavoro molto pressanti e in genere per chi ha voglia di impegnare meglio il suo tempo. EasyCOOP è uno dei tanti modi che ci offre la tecnologia per liberare davvero il nostro tempo libero e non trasformarlo in una sequela di doveri e incombenze.
Avrei ancora molti aspetti da raccontarvi dell’esperienza con EasyCOOP, ma non vorrei sopraffarvi con il mio entusiasmo. Perché non mi chiedete, qui nei commenti, se avete curiosità o volete chiarimenti?

– POST SPONSORIZZATO –

Prova a leggere anche:

    Non abbiamo trovato nessun articolo collegato

LASCIA UN COMMENTO