Riflessioni e buoni propositi per l’anno nuovo

11

E niente, un paio di cose di cui volevo parlarvi prima della fine di questo 2011.
Sono riflessioni un po’ malinconiche un po’ no, perché a me il capodanno fa sempre questo effetto. Voi però prendetele come un augurio di buon inizio di anno.
In effetti una implica un proposito per il nuovo anno, l’altra è una riflessione sulle scelte che la vita ci impone e la sensazione perenne di trovarsi sempre nel mezzo, tirati un po’ da una parte e un po’ dall’altra, cercando di non provocare lacerazioni troppo profonde.
Iniziamo dalla seconda.
Ieri in aereo di ritorno dalla nostra visita a Roma per le feste di natale, ancora un po’ intorpiditi dal sonno e dal sole negli occhi ci accorgiamo che l’aereo inizia la discesa. Sopra di noi un cielo azzurro e un sole accecante. Sotto di noi una coltre di nubi grigie. Ho detto ai bimbi: “dite ciao al sole. Ci rivediamo tra qualche mese!” Il Vikingo e Pollicino fanno ciao con la mano e dicono “ciao ciao sole!” L’aereo si immerge nelle nuvole. Passano un paio di minuti prima di uscire nuovamente fuori per ritrovarci al semi buio, avvolti da una pioggerellina costante. Non è la prima volta che quella coltre di nubi sulla nostra testa mi fa questo effetto di barriera. Una barriera che ci separa dal sole, ma non solo. La scelta di vivere all’estero, distanti dalla famiglia e dagli affetti, ad ogni ritorno dall’Italia si fa più difficile. Vedere i miei nipoti crescere, e non poter godere dei loro progressi ogni giorno. E’ tempo di intensificare le connessioni skype, le cartoline, le fotografie, per colmare come si può quella distanza nonostante la barriera di nuvole.

La prima invece è tutta un’altra storia. Il 21 dicembre sono andata a prendere Pollicino al nido, come ogni giorno. L’ho messo in passeggino, gli ho infilato in mano un paio di biscotti e ho preso l’autobus per andare a prendere il Vikingo a scuola.
Ero tranquillamente assorta nei miei pensieri quando Pollicino ha iniziato a tossire. Tossiva e faceva versi strani, come conati di vomito. L’ho guardato e mi sono immediatamente accorta che si stava strozzando. Ho cercato di pensare velocemente a qualcosa. Qualunque cosa, tipo ho tentato con tutte le mie forze di ricordarmi cosa diavolo c’era scritto qui: http://genitoricrescono.com/la-disostruzione-imparare-salva-la-vita/
Intanto gridavo aiuto cercando conforto negli occhi di chi mi circondava. L’autobus era popolato da un discreto numero di persone. La situazione era quasi comica se non fosse stata tragica. Io ero in piedi, l’autobus continuava la sua corsa indisturbato, gli occhi di tutti erano su di me che gridavo AIUTO! mentre tentavo di mettere Pollicino in una qualche posizione consona all’estrazione del biscotto dalla sua gola. L’ho tirato su dal passeggino mi sono messa seduta tenendolo in braccio, cercando di piegarlo in avanti. Qualcuno mi consiglia di metterlo a testa in giù. Ci provo ma non è semplice: indossa il tutone da neve e dargli botte sulla schiena risulta molto difficile. Alla fine però mettendolo a piedi in aria la situazione si sblocca e il pezzo di biscotto viene sputato sul pavimento. Io tremo, Pollicino piange, le signore intorno a me raccolgono i pezzi: una scatola di biscotti, una bottiglia d’acqua, il cappuccio del tutone che si era staccato, e il ciuccio. Nel frattempo arrivati alla mia fermata, ringrazio tutti con le lacrime agli occhi e esco tremante dall’autobus. Una signora si avvicina per chiedermi se va tutto bene. Pollicino si addormenta entro pochi minuti, io continuo a tremare per mezzora. Il pensiero che il tutto è avvenuto in una manciata di secondi non mi tranquillizza affatto. Quel percorso in autobus che ripetiamo sempre uguale ogni giorno, sempre sgranocchiando qualcosa, sempre stanchi nella stessa maniera avrebbe potuto finire in tutt’altra maniera.
Quindi ho preso una decisione. Io che non faccio mai buoni propositi con l’intenzione di mantenerli, quest’anno ci provo: il mio proposito per il 2012 è un corso di primo soccorso. Spero veramente di riuscirci. E voi? Avete qualche buon proposito in vista?

PS. Buon 2012 a tutti!

Prova a leggere anche:

11 COMMENTI

  1. Ciao io a fine anno ho preso l’attestato per aver fatto il corso della CRI di disostruzione pediatrica…..molto interessante e utile oserei dire!

  2. Il mio proposito? Riprendere il percorso di automanutenzione (dieta e palestra con moderazione) in vista di un quarantesimo compleanno in splendida forma (ho davanti 11 mesi, in fondo).

  3. Serena… Mi hai proprio fatto piangere sai? Non per il soffocamento, quello del corso di ps e’ davvero un’ottima idea ma mi ha colpito di piu’ la prima parte. Vivere all’estero, sali e scendi dagli aerei.. 3 anni in Irlanda, senza sole, sempre accompagnati dalla pioggia. Fionzilla che guarda il pc e mi chiede “nonna”? perche’ lui i miei li conosce grazie ai molteplici viaggi ma soprattutto grazie a skype. Questo Natale non siamo rientrati e io, per quanto sia felice di averlo passato con la famiglia del mio ragazzo, non l’ho sentito quasi per niente. Come mi manca il sole, il cibo, le urla e i rumori che un tempo mi infastidivano cosi tanto, le litigate in famiglia, i tortelli della nonna, le serate di spettegulez con le mie sorelle. Il mio proposito 2012 e’ cercare di combattere la malinconia che a volte e’ piu’ pesante di un macigno. Un abbraccio a tutte, Buon anno!

  4. Mamma mia chissa’ che paura!
    Anch’io voglio fare un corso di dprimo soccorso al piu presto possibile. Nel frattempo ne ho fatto uno di disostruzione pediatrica – tutto fatto in un pomeriggio, molto easy, magari parti da quello? Certo, poi se mi capitasse davvero una situazione come la tua, probabile che andrei in panico e non mi ricorderei piu niente. Gia’ al corso, quando facevamo le simulazioni con i bambolotti, andavamo tutti in panico totale (nella simulazione dovevamo dire a una signora di chiamare il 118, e io le ho detto di chiamare il 112 O_o)…pero’ dai, e’ gia’ un primo passo. Buon Anno Nuovo!!

    • @Sfollicolatamente ma infatti pure io ho paura che poi in quel momento li il cervello ti va in pappole e non ricordi nulla. Speriamo bene!
      @mammachetesta si fortuna è andata bene! Buon anno anche a te!
      @Erika no dai, non volevo, ero un piccolo sfogo a poche ore dal ritorno. poi ci si ricorda del perché si è all’estero e passa tutto. Oggi va già meglio 😉
      @Chiara go Chiara! Go! io per i miei 40 ho messo in piedi il motivescionalgc. Se ti serve possiamo riesumarlo 🙂

  5. Mamma mia, che paura Serena! Altro che tremare .. Il tuo proposito e’ davvero importante, a me prende il panico anche davanti ad un po’ di sangue.
    Il mio buon proposito per il 2012 e’ rallentare. In questi anni ho abusato delle mie energie ma ora ho proprio bisogno di raccogliere esperienze, pensieri, fatica e farne un nuovo inizio.
    Tantissimi auguri a tutti per un anno più lento e sereno!

  6. Ti rispondo con i lucciconi agli occhi… Oddio che superstrizza!!
    Credo che il tuo buon proposito x l’anno nuovo dovrebbe essere condiviso da molti genitori (ME IN PRIMIS!!), xchè cose del genere capitano (ahimè) e la prima reazione, fosse anche solo “Niente panico!So cosa dovrei fare!” è fondamentale.
    In bocca al lupo x questo nuovo anno! :*

  7. Oh mamma che strizza! Pat pat e buon corso…
    I miei propositi per l’anno nuovo… no, non ce la faccio proprio in questo periodo. Fare promesse adesso è proprio troppo.
    Auguri a tutti per un felice anno nuovo.

  8. mi hai fatta commuovere e venire l’ansia allo stesso tempo. ogni volta che le bimbe mangiano una nocciolina mi viene in mente Marco Squiccardini o come si chiama e il suo video, e l’unico che se ne rende conto è mio marito.
    lo dovrei fare anche io un corso di ps
    auguri serena!

    • @elisa dai su facciamoci coraggio e troviamoci un corso! Mio marito il corso l’ha pure fatto, solo che ovviamente ste cose capitano quando sto da sola. Argh!
      @Barbara io le promesse non le faccio veramente mai perché so che tanto non le mantengo, ma questa volta devo.
      @Paola hai ragione dovrebbe essere obbligatorio e gratuito per tutti!
      @Marzia rallentare, penso dovrebbe essere anche il mio proposito, e invece sto accelerando. La mia speranza è di collassare così poi devo rallentare per forza 😉

LASCIA UN COMMENTO