Quando sparisce il sonnellino

12

Intorno ai 3 anni di età, molti bambini iniziano a fare volentieri a meno del sonnellino pomeridiano. Alcuni iniziano 6 mesi prima, altri 6 mesi dopo, ma in ogni caso può essere un passaggio quasi drammatico per il genitore, come ci fa notare Raperonzolo con il suo solito sense of humor nel post Giro di boa.
Per il genitore segna l’abbandono del momento di calma post pranzo. Quello in cui riprendiamo fiato e ci dedichiamo a noi stessi, e a cui forse non siamo pronti a rinunciare tanto tranquillamente. Il Vikingo ha iniziato a non voler dormire il pomeriggio giusto allo scadere dei 3 anni. A volte ci voleva anche mezzora affinchè si addormentasse, un’eternità in confronto ai 5 minuti soliti. Se riusciva ad addormentarsi però, il sonnellino si trasformava in una dormita di 3 ore, con conseguenze infernali per la sera. E più l’addormentamento serale si spostava alle 10 o alle 11, più la mattina non si riusciva a tirarlo fuori dal letto senza lottare per riuscire ad arrivare in tempo all’asilo. Insomma alla fine per noi l’abbandono del sonnellino è stato un vantaggio. Rinunciare alla calma pomeridiana, ci ha regalato la calma serale del dopo cena, che valutiamo molto più preziosa. Inoltre, le attività del pomeriggio non sono più vincolate al suo sonnellino, offrendovi un grado in più di libertà.

Se vi accorgete che anche voi state affrontando questo genere di problemi, e non ve la sentite di tagliare tout court, il primo passo può essere quello di accorciare il sonnellino pomeridiamo gradualmente fino a raggiungere i 45 minuti o un’ora circa. In questo modo si da al bambino il tempo di adattarsi al nuovo ritmo. Dopo qualche settimana potete procedere all’eliminazione totale del sonnellino. Se invece il bambino si rifiuta di dormire, passate direttamente all’eliminazione.

Il tempo normalmente impegnato dal sonnellino, dovrebbe essere sostituito da un’attività rilassante. Il fatto che il bambino non dorma, non vuol dire che non abbia bisogno di riposarsi dal gioco. Questo è molto importante nel caso in cui vostro figlio abbia un livello medio di attività fisica abbastanza elevato. Ci sono bambini che riescono a controllarsi benissimo, e scelgono spontaneamente giochi più tranquilli quando si sentono stanchi. Il Vikingo invece appartiene a quella categoria di bambini che con la stanchezza aumenta il ritmo del gioco, che si fa sempre più frenetico. In questi casi bisogna intervenire ed invitarlo a trovare un gioco più tranquillo, magari un puzzle o un disegno, o leggere insieme un libro. Se di giorno sta all’asilo, l’insegnante saprà ovviamente cosa fare, ma nel weekend tocca a noi genitori.

Come sempre ogni passaggio ha bisogno del suo tempo, e inizialmente potrebbero insorgere dei problemi. Tra gli effetti più diffusi ci sono il fatto che il bambino crolli addormentato poco prima di cena se non direttamente al tavolo o un intensificarsi delle crisi di pianto e dei capricci. Cercate di mantenere il pargolo sveglio, per quanto difficile. Vi confesso che uno dei primi giorni senza sonnellino, rientrati a casa alle 4 dall’asilo, il Vikingo ha iniziato un bel capriccio da manuale, di quelli in cui ci si butta per terra e si sbattono i pugni. Io gli ho detto come sempre che quello era un capriccio, e che non era accettabile. Gli ho spiegato che mi rendevo conto che fosse stanco, ma che così non ci si comporta. Poi l’ho invitato a togliersi il tutone da neve. Cosa che è perfettamente in grado di fare da solo, ma che essendo un’operazione noiosa, richiede sempre il mio aiuto.
Essendo abituato a questo genere di reazione da parte mia, i capricci sono terminati subito, ma la stanchezza ovviamente no. Dopo un paio di minuti di silenzio, mi sono insospettita, e sono tornata all’ingresso a controllare quale fosse la situazione, e l’ho trovato addormentato sul pavimento vestito di tutto punto con il tutone e gli scarponcini. Potete immaginare i miei sensi di colpa! Insomma preparatevi a tutto.

Io ho trovato che un bagnetto appena tornati a casa lo aiuta a distendere i nervi prima della cena, tagliando così i capricci, e arrivando a tavola sani e salvi. Cercate di capire cosa funziona per vostro figlio. Se un paio di volte dovesse addormentarsi senza cenare, non è la fine del mondo. Recupererà a colazione. Ripetetevi come un mantra che è solo un periodo di aggiustamento, e che si tornerà alla normalità entro due o tre settimane.
Poi iniziate a pregustarvi il fatto che l’addormentamento serale procederà più facilmente, e che potrete finalmente godere di qualche ora di calma e intimità dopo cena.

Prova a leggere anche:

12 COMMENTI

  1. mio a aprile compie 3 anni e non sa svegliarsi e addormentrsi d solo la mattina allee 08 e 25 e dopo mangiato dalle 13alle14.20 .la sera 22.20 qualche consiglio

  2. Salve,
    la mia cucciola ha 30 mesi giusti e da 1 mesetto fatico ad addormentarla di pomeriggio.
    Già in precedenza mi sono avvalsa dei vostri consigli in seguito alla lettura di Tracy Hogg e con alcune varianti sono riuscita a creare orari e routine.
    Mia figlia dormiva dalle 22-22.30 alle 08-08,15 del mattino qualche volta si sveglia o sogna di notte e il pomeriggio dalle 14.00+- alle 16-16,30.. quindi bbastanza regolare…. ma poi la catastrofe!!!
    Premetto che la sera non fatico ad addormentarla, le piace stare un pò nel letto con me e poi se ne va nel lettino, chiede la mano e la ninna nanna e in 10 minuti dorme… dorme in cameretta ma con me se vado via durante la notte e si sveglia è na tragedia!!!
    I problemi ci sono sia di mattina che di pomeriggio.
    La mattina nn si vuole svegliare con vere scenate nevrasteriche a mille dicendo che vuole dormire .. io la alzo con la forza xchè deve andare al nido dato che lavoro… infatti nel week-end se la lascio stare dorme fino alle 9-9.30 ma va a dormire alle 22-22,30.

    Di pomeriggio fatico molto ad addormentarla ci vuole anche mezz’ora.
    Quando la porto a dormire e le voglio mettere il ciuccio dice che nn lo vuole che nn ha sonno e che vuole giocare io però la porto lo stesso ma si mette a chiacchierare a saltare nella culla e se me ne bado scende dalla culla e se ne viene io alora la sgrido al punto che si mette a piangere e si addormenta e poi prende sonno e nn si vuole addormentare con conseguenze la sera per portarla a dormire.

    Lo so mi direte di togliere il sonnellino ma nn è troppo presto a 30 mesi?
    Una volta 2/3 settimane fa ci ho provato ma alle 18.30 voleva andare a dormuire facendo delle scenate così ho abandonato.
    Purtroppo a me fa 1/2 giornata al nido dato che nn tanto ci vuole stare mentre il pomeriggio la tiene il papà che vuole che dorma poichè è troppo vivace.

    Datemi un consiglio.Grazie

    • @Valentina prova ad accorciare il sonnellino. Svegliala dopo un’oretta circa e vedi come va. In quel modo si riposa quanto basta, senza esagerare, e risolverebbe il problema della sera.

  3. Anastasia come procedono i tuoi esperimenti per farle dormire al pomeriggio?Sono anche io mamma di due gemelli (nati ad ottobre 2008) e mi trovo nella tua stessa condizione.
    Frequentano un asilo nido a circa mezzora di macchina da casa nostra, prima si addormentavano nel viaggio, ora non lo fanno più.
    Se provo a metterli a nanna da svegli (forse perchè non sono abituati) mi fanno impazzire e so già di andare incontro ad un fallimento. Tra l’altro anche i miei fanno esattamente come le tue, si svestono e buttano tutto sul pavimento facendo un gran chiasso per poi finire col piangere…
    Quindi opto anche io per la soluzione di Serena.

    Sarei convinta del fatto che stan per smettere di dormire, peccato che nei due pomeriggi in cui stanno con i nonni l’esigenza del sonnellino pomeridiano miracolosamente ricompare!

  4. Ciao Serena,sono daccordo è un ottima soluzione,oggi ho voluto fare una prova e le ho messe a letto un oretta più tardi,si sono addormentate in 10 minuti e si sono svegliate alle 17 l’ora nella quale si svegliavano anche prima.Forse devono solo accorciare il sonnellino perchè non hanno più bisogno di dormire così tanto…Comunque oggi è stata una prova vedremo come andrà in seguito! Grazie del consiglio.

  5. Ho due gemelline di 2anni e mezzo e da un paio di settimane mi fanno impazzire quando devono fare il sonnellino pomeridiano.Io abituata a metterle a letto alle 14.30 in punto tutti i giorni ultimamente fino alle 16 non si addormentano.1 ora e 30 minuti,ma è possibile??E nel frattempo si spogliano,disfano il letto e buttano tutto a terra,gli ho tolto le loro costruzioni preferite per una settimana,poi gli ho tolto altri giochi che adoravano ma nulla da fare…il pomeriggio studiavo ed ora non posso più farlo..che devo fare?Devo dire addio al sonnellino o insistere ancora dando punizioni e sperare che torneranno al ritmo di prima????

    • Anastasia, pensi davvero che le punizioni possano farle dormire? Io ne dubito. Forse sono veramente pronte ad abbandonare il sonnellino, o forse sono nella tipica fase dei due anni in cui vogliono decidere loro. Io ti inviterei a trasformare questa battaglia, che non puoi che perdere, in un momento di transizione. Prova a parlare con loro e spiegare che anche se non vogliono dormire hanno bisogno di riposarsi, e quindi dovete trovare un’attività tranquilla per un’oretta circa, ad esempio leggere dei libri insieme, magari con la luce soffusa, o ascoltando una musica rilassante. Magari le avverti che se gli viene sonno, possono anche dormire, ma non è obbligatorio. Non riuscirai a studiare, però potrebbe trasformare questo momento in un bel momento, e con un po’ di fortuna potrebbero anche riprendere a dormire. Che ne pensi?

  6. Ecco, io mi stavo crogiolando sulla parte che poi la sera sarebbe crollata. Insomma, la cucciola ha 5 anni, ha continuato col sonnellino fino a fine luglio perché dovevo svegliarla ogni mattina alle 6.30 e arrivare alla sera è lunga, ma ora forti delle vacanze (e quindi nanna a volte anche fino alle 9) il sonnellino è stato tolto, così si abitua gradualmente.

    Ero pronta: sarà isterica la sera, ma almeno poi crolla presto! Ora, me lo spiegate perché prende sempre il peggio? La sera è una vipera, nervosa e rabbiosa, ok ci sta e sopporto. Ma poi alle 20 si risveglia. Ieri abbiamo provato ad aspettare le 21.30 per metterla a dormire (visto che metterla prima è stato un disastro), beh, non è scesa dal letto, da sola in camera, tutto perfetto, ma alle 23 mi ha chiamata per la sesta volta con un “mamma, non riesco a dormire”. Ora, che le vuoi dire a una che poveretta se n’è stata in camera sola in semioscurità un’ora e mezza, chiamandomi solo ogni 15 minuti, e che non riesce a dormire? Ecco, io le ho detto “stellina, senti, come fai tu non lo so, ma io ho sonno, ho tanto sonno, e ora vado a dormire, fai quel che vuoi, ma non farti sentire”. Fortuna che ha sbadigliato. Così mi sono lavata i denti, pigiama, spento le luci, vado a rivedere e finalmente dormiva. Però non è umano!

  7. ciao a tutte. Può essere che la mia bimba, si soli 18 mesi, non voglia più dormire il pomeriggio? Oggi, dopo due ore di tentativi a vuoto ho desistito e l’ho tenuta sveglia. Da qualche giorno noto che fa sempre più fatica a dormire il pomeriggio (ci mette più di mezz’ora ad addormentarsi), si addormenta sempre più tardi e la sera è un’impresa metterla a letto prima delle 22.30-23. Confesso che alla pausa (mia) post-pranzo non rinuncio volentieri, ma vorrei anche un periodo di tranquillità post-cena con mio marito, senza perà andare a letto all’una di notte!

  8. Lo so che questo post è vecchio ma io mi ci ritrovo adesso quindi per me è attuale..Effettivamente come dici tu almeno la sera si sta piu’ tranquilli anche se poi noi abbiamo sempre il problema di 2-3 risvegli notturni (quelli non passano ancora, eh) senza considerare che io la mattina mi sveglio alle 4.30 del mattino e il pomeriggio un sonnellino mi faceva comodo..mi sto pero’ abituando anche a questo…
    I capriccetti serali ci sono effettivamente, anche io penso sono da imputare alla stanchezza…Cmq abbiamo anticipato i tempi per tutto..Cosi’ ad esempio lui cena – da solo – alle 19.15 e al massimo alle 20 si parte con la procedura ninna..che ora davvero dura pochissimo…dai 5 ai 15 minuti e si addormenta nel lettino…e noi ceniamo con calma.

LASCIA UN COMMENTO