Notti insonni… per anni

10

La privazione del sonno è uno strumento di tortura usato per piegare la volontà dei reclusi nei Paesi dove sono sconosciuti i diritti umani ed in quelli dove si finge di riconoscerli.
Alcuni di noi hanno provato questo stillicidio ed il nostro aguzzino era proprio quella piccola personcina tanto amata che avevamo da poco messo al mondo…
Non dormire per mesi, o peggio, per anni è una condizione terribile. Mina la stabilità mentale delle persone, scuote la solidità delle coppie, getta nello sgomento le famiglie. Non dormire fa proprio male. Le persone che veramente non hanno dormito per molto tempo si riconoscono tra loro: io riconosco i miei simili. Anche da questa esperienza ne sono venuta fuori. Ve la racconto.
Il Sorcetto, allattato al seno, ha sempre poppato quando gli pareva e piaceva: del resto l’allattamento materno è così, “a richiesta” si dice. Quindi nei primi mesi di vita non me ne sono data pena: sapevo che mi sarei svegliata di notte per allattarlo ed ero pronta. Poi però le poppate sono finite, ma i risvegli rimanevano gli stessi, con una differenza: non avevo l’arma del latte per riaddormentarlo. E, per questo, Sorcetto rimaneva sveglio sempre più a lungo…
Intorno all’età di un anno nostro figlio dormiva 3 ore, poi stava sveglio 1 ora, 1 ora e mezza, poi dormiva altre 3 ore, poi un altro risveglio verso l’alba, poi dormiva un’altra oretta, ma per me ormai il risveglio era definitivo. Pur andando a dormire appena si addormentava mio figlio, tenendo conto del tempo di cui ho bisogno per addormentarmi, io dormivo circa 4 o 5 ore, ma non di seguito, con almeno un’ora di veglia in mezzo… Non vedevo l’ora che la notte finisse, ogni notte, per uscire da quell’incubo di essere strappata dal bel mezzo del sonno.
Durante i suoi risvegli, Sorcetto avrebbe voluto alzarsi ed impegnarsi nelle sue normali attività: le sue 3 ore di sonno gli avevano dato nuova carica e, per lui, era ora di ricominciare, anche alle 2 di notte. Io mi sforzavo di tenerlo a letto, di non farlo alzare e di tenerlo fermo e tranquillo, in modo che capisse che era notte.
Durante il giorno, anche a pochi mesi, lui dormiva non più di 20 minuti o mezz’ora consecutiva: quindi impossibile recuperare, anche se non avessi avuto altro da fare. A due anni il rifiuto per il pisolino pomeridiano era assoluto: non voleva farlo, ma non poteva farne a meno. Una lotta quotidiana.
La mattina ero sempre più lucida e nervosa: meno dormivo, più mi sentivo efficiente. Il mio fisico forse stava producendo ormoni che mi aiutavano a sopravvivere: solo che gli effetti erano vagamente simili a quelli della cocaina. Ero sveglia, ma irritabile. Ero efficiente, ma stanchissima.
La nostra pediatra mi spiegò cosa fossero i ritmi circadiani: se quelli del Sorcetto non erano ancora armonizzati con il mondo circostante, non c’era nulla da fare. E lui era ostinato anche nel non volersi adeguare.
Intorno ai due anni e mezzo le cose sono migliorate: piano piano capitava qualche notte senza risvegli. A tre anni si dormiva, quasi tutte le notti. C’erano periodi migliori e periodi peggiori, ma si dormiva. Quando Il Sorcetto ha smesso completamente il pisolino pomeridiano, a tre anni e mezzo circa, le notti sono diventate meravigliose… ora ci si sveglia solo ogni tanto!

Prova a leggere anche:

10 COMMENTI

  1. Sono sollevata e speranzosa… il primo bimbo ha iniziato a dormire tutta la notte a 9 mesi, dopo aver “scoperto” il ciuccio (che gli ho iniziato a proporre dai 4 mesi… c’ha messo un po’ per capirne l’utilità).
    Il secondo topino (18 mesi dopodomani) non ha MAI dormito tutta la notte continuativamente. Come minimo fa 3 risvegli, ma, per fortuna, durano il tempo di una ciucciata di acqua (e poca camomilla liofilizzata) o latte e poi si riaddormenta subito. Io mi sono abituata a questi ritmi e ho tempi di veglia/sonno stile on/off.
    Non è servita a niente la melatonina o altri rimedi naturali, e oramai mi sono rassegnata al fatto che, prima o poi, dormirà.
    Magari a 3-4-5 anni, ma prima o poi DOVRA’ dormire tutta la notte e vivo solo nella speranza che questo giorno arrivi.
    …certo che è veramente estenuante per una che, come me, che ADORA letteralmente dormire e farebbe sonni lunghi settimane, ininterrottamente.

  2. anch’io mi ritrovo molto in questo post. non sono fan del “mal comune mezzo gaudio”, ma sono d’accordissimo sul fatto che solo chi ci è passato può capire cosa vuol dire…sulla parte delle liti familiari…e sul tentativo degli altri di responsabilizzazione della madre…
    Vi ringrazio per avermi fatta sentire meno sola!

  3. E’ vero Silvia (Author)uno dei pensieri più efficaci quando si è ancora nel tunnel è che “PRIMA O POI PASSA” ed è una certezza!!!

  4. Beh, Silvia, ti posso consigliare la lettura di tutti i nostri post sul tema “sonno” e “bambini amplificati”… e poi coraggio, c’è tutta un’altra vita poco più il la!

  5. ogni cosa che leggo su questo sito..beh…sembra di vedere la mia vita..solo che il mio di sorcio ha 3 anni e 2 mesi e ancora si sveglia 2 volte minimo a notte 🙁

  6. Quanto hai ragione! soprattutto sulla questione della progressiva perdita della ragione…e del rischio per la coppia…non a caso quando io e mio marito ci siamo “ripresi” e soprattutto abbiamo ricominciato a dormire…beh…eccoci qua al settimo mese di gravidanza! scherzi a parte, hai anche ragione sul fatto che davvero soltanto chi ci è passato può “veramente” capire! la cosa che meno mi ha aiutato in quel periodo era il tentativo di tutti di trovare una qualche mia responsabilità nella faccenda (della serie: sei troppo buona, sei troppo rigida, la fai mangiare poco/troppo, manca il ritmo, la devi far piangere/non la devi far stressare…etc…) vaglielo a spiegare che le avevi provate TUTTE!! vabbè…come si dice, tutto serve nella vita e…la speranza è sempre l’ultima a morire!

  7. Sei arrivata qui perchè il nostro sito è pieno di cose interessanti!! 😉
    Prima di tutto ti auguro il “cicciobello”, credo proprio che te lo meriti. E poi, se così non sarà, almeno quata volta avrai la consapevolezza che è ingiusto ed impossibile farsi distruggere… Evviva l’idea delle notti alterne.
    Anche io non saprei dire se l’allattamento a richiesta in qualche modo incida, ma temo non molto, dato che il Sorcetto ha continuato a svegliarsi ben oltre l’età delle poppate (direi che stava arrivando anche oltre l’età della ragione… almeno della nostra!). Il fatto è che c’è proprio ben poco da fare… Aspettare… cercando di non soccombere e di non separarsi dal partner (perchè quanto incide la mancanza di sonno sulle liti familiari, lo sanno solo coloro che ci sono passati: dopo un annetto di privazione del sonno non tolleri più nulla!).
    Certo, in quei benedetti quasi tre anni, mai avrei avuto la forza di mettermi la sera a scrivere sul mio blog…

  8. Ero partita dall’allattamento (intervista di Wonderland) e non so come sono arrivata qui! Forse perché 2 dei miei 3 figli mi hanno fatto fare questa terribile esperienza…e perchè non so come mi trovo a rischiare di nuovo, pregando che stavolta almeno mi capiti uno di quei bambini-cicciobello che mangiano e dormono 8 ore già prima dell’anno! Putroppo come le altre volte ho due sole certezze: la prima: che non hai mai l’arma per risolvere il problema se non dormono, e la seconda: che prima o poi finisce! grazie a Dio! Forse l’allattamento a richiesta anche di notte un pò incide, ma la mia ultima bimba ha continuato a svegliarsi anche dopo che le ho tolto il seno la notte e volendo il biberon! tutti e due hanno cominciato a dormire dopo i due anni in un giorno qualsiasi e senza alcuna apparente motivazione! solo: non si sono più svegliati di notte!anzi faccio fatica a svegliarli ora quando suona la sveglia la mattina! (a parte episodi tipo malattie, denti, brutti sogni….).Una cosa è certa: questa volta farò di tutto per non soccombere come l’ultima volta…a costo di andare a dormire a casa di mia madre a notti alterne!! 😉

  9. Durante la mia esperienza di vita a Parigi, ho incontrato un professore all’università che mi ha detto: “Non preoccupatevi di qualche notte insonne, ora che hanno 12 anni, hanno imparato tutti a dormire!” Sagge parole 😉

LASCIA UN COMMENTO