La scienza è servita

0

La scienza è servita, imparare giocando: esiste nulla di più intelligente?

scienza luna park

La Staccata

Scienza al luna park è un libro tutto da scoprire e costruire. La mia funzione nel lavoro di assemblaggio è stata quella di liberare dai cartoncini ( facendo attenzione a non romperli, eh! L’ingegnere capo mi avrebbe sbattuta fuori dal cantiere senza riconoscermi neppure la liquidazione) i pezzi per costruire delle montagne russe in miniatura. 

Gli unici materiali accessori che dovete procurarvi sono una biglia e un rotolo di nastro adesivo o della colla. Poi, potrete godervi le evoluzioni della pallina che vi consentirà di imparare concetti quali accelerazione, massa, peso, energia e gravità.

Apprendere le tre leggi di Newton divertendosi, capire come mai la biglia riesca a percorrere il giro della morte senza cadere ( uno dei miei incubi più ricorrenti, soffro mortalmente di vertigini e le uniche montagne russe che non mi causano attacchi di panico sono queste della Editoriale Scienza ), scoprire come funziona la forza di gravità.

Trovate questo e molto altro nelle pagine di un libro divertentissimo e intelligente, soltanto un esempio fra i tanti realizzati per una collana dedicata all’apprendimento della scienza. Date un’occhiata al catalogo, ve ne innamorerete: trovate tutte le informazioni sulla promozione in calce al post. Vi suggerisco anche di visitare il canale YouTube Editoriale Scienza che ospita booktrailer, tutorial e video interattivi.

editoriale scienza

Superboy

Dunque, mettiamo subito in chiaro una cosa: il libro è bellissimo, però un po’ di pazienza dovete averla. Ci vuole tempo per montare le montagne russe ma poi, fidatevi: ne vale proprio la pena! Non ti serve l’aiuto di un adulto, magari gli puoi far staccare i pezzetti di scotch o chiedergli di aiutarti a incollare i cartoncini, ma non è che servano loro. Lo possono fare pure bambine e bambini più piccoli di me, tipo di 8 anni.

editoriale scienza 2

Certe volte imparare le cose dai libri può essere noioso, ma con Scienza al lunapark non ti annoi di sicuro. Altrimenti sei un po’ strano, scusate se lo dico. Mi è piaciuto tanto perché, oltre a farti divertire durante la costruzione, quando inizi a fare gli esperimenti ti rendi conto che alcune cose che studi a scuola sono alla base di queste montagne russe.

Ci sono vari esperimenti, come quello del ponte. Se lasci andare la biglia dalla partenza riuscirà a percorrere il ponte senza difficoltà. Ma se la fai partire da metà discesa, non riuscirà ad attraversarlo perché, andando verso l’alto, la forza diminuisce. Se non c’è abbastanza forza cinetica ( la forza in movimento ) la biglia non ce la fa.

Quello che mi è piaciuto di più è stato quello dell’imbuto perché dovevi far partire la biglia con velocità diverse ( ad esempio: da metà discesa, dalla fine della discesa etc. ) e poi osservare per quanto tempo di soffermava nell’imbuto. Questo dipende dalla velocità: più l’oggetto è veloce, più tempo rimarrà nell’imbuto perché continuerà a ruotare ( grazie alla forza centripeta ). Funziona così: la forza centripeta porta la biglia verso il centro mentre ruota solo che la forza di gravità, appena si sta avvicinando al centro, visto che è in pendenza, la fa scivolare di lato e le fa compiere un altro giro finché non si esaurisce la forza.

editoriale scienza 3

Mamma dice sempre che da piccolo correvo come una pallina impazzita e non mi fermavo mai ( come la biglia nell’imbuto). Non me ne ha mai fatto una colpa, ci ridiamo sempre insieme. Però ora, se proprio devo trovare una colpa a tutto quel mio correre, so che era “merito” ( si fa per dire ) della forza centripeta e che io non c’entro proprio niente.

Insomma: costruisci, impari, ti diverti. Allora Scienza al luna park mi sembra un ottimo libro per ragazzini curiosi e mi piacerebbe provarne altri di questo genere.

giunti-scienza

La scienza è servita
dal 3 ottobre al 2 novembre 2015
Sconto del 20% su tutto il catalogo Editoriale Scienza
In libreria e negli store on line

– POST SPONSORIZZATO –

Prova a leggere anche:

LASCIA UN COMMENTO