Imparare le lingue in modo naturale fin da piccoli: Kids & Us

2

kids2La nostra inviata Pand ci parla della sua esperienza di apprendimento della lingua inglese per i suoi bambini.

Inutile dire quanto sia importante oggi parlare fluentemente inglese senza dover passare per quella parte del cervello che traduce dalla nostra lingua madre. Quella parte di cervello che purtroppo blocca molti di noi che abbiamo appreso l’inglese da adulti o a scuola nel modo errato.

E’ proprio per questo che da due anni ho deciso di prendere un’insegnante madre lingua che giocasse con i miei figli per un’ora a settimana. Lei parlava solo inglese e i bambini all’inizio erano disorientati, si annoiavano e non capivano. Ci hanno messo più di un mese per comprendere quando dovevano ripetere e quando invece dovevano rispondere alle sue domande. Ma ho potuto vedere la differenza quando la loro testolina ha fatto click. Da quel momento in poi hanno iniziato a capire ed interagire con lei senza in realtà comprendere la frase parola per parola.

Una grande soddisfazione che è durata fino a che la nostra insegnante si è trasferita lasciandoci orfani di inglese. Ho provato a cercarne un’altra ma non ho più trovato qualcuno capace di stabilire con loro lo stesso feeling. Mi sono convinta che per insegnare ai bambini piccoli devi prima di tutto stabilire con loro un contatto che prescinda dalla lingua, e poi utilizzarlo per collegare le azioni ai suoni, alle parole, alla lingua.

Venerdì scorso sono stata invitata, con i miei bambini di 6 anni, alla presentazione di una scuola di inglese che si rivolge proprio ai più piccoli. E’ stata una vera emozione scoprire che l’esperienza che avevo fatto come mamma “autodidatta” è stata condivisa anche da altre donne e che questa stessa esperienza ha guidato Natalia Perarnau nel mettere a punto un metodo di insegnamento che nei suoi primi dieci anni di vita ha registrato moltissimi successi. Fondatrice del metodo Kids&Us, Natalia si è convinta che l’apprendimento di una nuova lingua può avvenire con enormi garanzie se si inizia da subito con i mezzi adeguati.

Nel 2003 infatti nasce la Kids&Us, School of English, un luogo basato su un metodo innovativo per l’apprendimento delle lingue sin da bambini.
Un luogo, perché lei non ama definirla scuola e in effetti ha ragione, con la scuola ha davvero poco in comune. Innanzitutto l’ambiente è divertente, colorato e a misura di bambino, le insegnanti sono delle divertenti e coinvolgenti compagne e l’inglese si apprende in modo naturale, senza neanche accorgersene. Quando ho chiesto ai bambini se gli era piaciuta quella scuola di inglese, loro hanno strabuzzato gli occhi ripetendo in coro: “SCUOLAAA!!?!?!?”

kids1
Dopo aver visitato la scuola, i bambini divisi per fasce di età sono stati condotti dalle insegnanti nelle loro aule per una lezione dimostrativa, mentre noi grandi abbiamo incontrato proprio Natalia, la quale ci ha spiegato che il metodo Kids&Us usa una metodologia di apprendimento basata sul NATURALE processo di acquisizione della lingua materna, un procedimento spontaneo e infallibile che attraversa alcuni stadi:

• LISTENING: il primo contatto con la lingua materna è di tipo uditivo. Per questo le insegnanti parlano incessantemente un inglese semplice e ripetitivo.
• UNDERSTANDING: dopo che il bambino ha ascoltato le stesse combinazioni di parole in diversi momenti e contesti, riesce a capire il senso di ciò che sente.
• SPEAKING: solo ora il bambino è in grado di parlare consapevolmente e ripetere ciò che comprende.
• READING AND WRITING: le 2 fasi avvengono naturalmente dopo le altre perché è antinaturale scrivere e leggere qualcosa che non capiamo.

Le classi sono formate da bambini coetanei (da un minimo di 5 ad un massimo di 8) e durante le lezioni si ricreano le situazioni che loro stessi vivono quotidianamente, che hanno quindi ascoltato e capito, come ad esempio la caduta di un dentino o l’arrivo di un fratellino.

Alla Kids&Us, inoltre, sanno bene che per insegnare l’inglese ai bambini bisogna saper interagire con loro e soprattutto saper parlare e scrivere un ottimo inglese. Questo non vuol dire essere per forza madrelingua: quante persone conosciamo che, pur essendo madrelingua, non parlano o scrivono un italiano perfetto?

Oltre all’insegnamento in aula, la Kids&Us propone anche attività extra: teatro, campi estivi, laboratori, workshop e le fun weeks.

– dalla nostra inviata Arianna

– ARTICOLO SPONSORIZZATO –

Prova a leggere anche:

2 COMMENTI

  1. E’ una cosa che vorrei fare. A che età è consigliato cominciare? Io alla mia bambina (2 anni) faccio vedere peppa pig in inglese 🙂

    • Roberto non so a che età è consigliato questo metodo di insegnamento in questa “scuola”, però in generale prima si inizia con una seconda lingua, più facile è il suo apprendimento. Guardare i cartoni in inglese è sicuramente un primo passo, ma non è minimamente sufficiente. Valutate alternative per esporla il più possibile alla lingua inglese, ad esempio frequentando playground in inglese nella tua città, o prendendo una baby-sitter madrelingua, oppure contatta direttamente la scuola Kids & US per chiedere chiarimenti.

LASCIA UN COMMENTO