genitorisbroccano

genitorisbroccano è lo spazio da usare quando senti di avere solo voglia di urlare.
Quando non ne puoi più.
Quando senti che le tue qualità di mamma o papà paziente stanno venendo meno.
Quando tutti i tuoi buoni propositi sono miseramente crollati davanti all’incomprensibile ostinazione dei tuoi figli.
Quando hai mandato a farsi benedire tutte le tue più radicate convinzioni circa l’allenamento emotivo e l’empatia.
Quando sei riuscito a mettere tuo figlio in punizione già 3 volte da quando si è svegliato, e sono appena le 8.30 del mattino.
Quando hai ormai raggiunto la definitiva convinzione che sei una pessimamma o un papàpessimo.

Questa è una stanza insonorizzata: fuori da qui non sentono nulla. Ti leggeranno solo altri genitori solidali che sanno benissimo come ti senti.
Qui è vietato dare consigli (soprattutto quelli buoni).
Qui è vietato trovare soluzioni.
Qui è vietato citare “metodi”.
Qui è vietato fare i saputelli!
I commenti autorizzati sono solo le pacche sulle spalle: sarà nostra cura rimuovere ogni altro tipo di commento.

Da questo momento potete urlare! Nulla è inconfessabile per genitorisbroccano!

PS: Se invece hai bisogno di consigli, cerca un articolo nel resto del sito che faccia il caso tuo, e posta un commento lì : genitoricrescono.com

3513 COMMENTI

  1. Buongiorno, sono una giovane mamma di due bambini. Hanno rispettivamente 3 e 5 anni. Litigano e urlano per ogni cosa, lo sopportavo fintanto che andavano in asilo ora ho dovuto lasciare il lavoro perché nessuno puó occuparsi di loro nel periodo estivo. Sto letteralmente impazzendo, mi sento inadeguata e piango in bagno con i phon acceso. Litigano per ogni minima cosa, che sia un biscotto o un giocattolo e urlano, urlano spesso. Con il piú grande non si può neanche ragionare. Mi sento un fallimento perché oggi non ce l’ho fatta piú e ho dato uno schiaffo a uno dei due e ora sono a pezzi. Forse meritano di più e io sono incapace di farli andare daccordo. Cerco di mantenere la calma ma ormai ogni due minuti dico basta a uno dei due.

    • Stai tranquilla, non sei una pessima madre. Sei solo messa alla prova come tante di noi che stanno su questo sito, guarda quanti siamo!! Se gia dici cheoggi ti senti in colpa x aver dato uno schiaffo sei bravissima, io nob faccio che menare sberloni a tutti e due!! Anche i miei 3 e 5 anni maschi, un vero incubo. Chi me l ha fatto fare?!?!?!?

  2. Grazie a tutti per le vostre testimonianze sono qui che piango perché non ce la faccio più!! O una bimba di 3 anni e uno di 7 che mi stanno facendo impazzire litigano sempre urlano di continuo non ascoltano la piccola piagnucola tutto il giorno il grande si rifiuta di far da solo e visto che non lo accontento piange e piagnucola di continuo e sempre a chiedere cose non si accontenta mai ed è sempre insoddisfatto. Io sono da sola tutto il giorno con mio marito avevamo scelto di farmi stare a casa per crescerli noi e ora invece si è trasformato in un rinfaccio continuo che visto che sono a casa non ho diritto ad un aiuto o non faccio niente. Li odio li odio tutti vorrei scappare via lontano da sola, mi sento una madre orribile non ho pazienza gli urlo dietro di tutto e certe volte mi chiedo. Signore ma perché non mi prendi!!!

  3. Sono mamma anch’io dinun bimbo di 2 anni nella piena fase dei capricci che va dai 2 anni acirca 3-4anni. Infatti dobbiamo sempre tener presente che è una fase che poi passa se gestita bene da noi genitori sennò non passerà così presto. Anch’io ultimamente perdo la pazienza è non avrei mai immaginato di comportarmi così in modo nervoso sia per l’amore che ho sempre nutrito per i bambini sia per L’aver desiderato tanto questo figlio.ma leggendo i vostri commenti e comprendendo bene ciò che sentite dentro mi viene da riflettere e mettermi nei panni di questi piccoli…Poveri bambini… che devono pagare per il nostro stress, le nostre insoddisfazioni e i nostri problemi anche grandi che ci portiamo dall’infanzia.. picchiare, urlare purtroppo non porta a nulla di buono solo a peggiorare la situazione di noi mamme perché poi ci sentiamo sbagliate e in colpa è di questi bambini che pensano di meritarsi solo questo. Il risultato è che tutto questo nostro comportamento aggressivo va a minare la loro autostima che è alla base di una crescita psichica adeguata. Noi mamme abbiamo tante responsabilità, troppe cose da fare (e per questo dovremmo tagliare il più possibile e limitare solo agli impegni più importanti e necessari.) la nostra vita di coppia diventa inesistente o quasi, siamo sempre soggette al giudizio degli altri familiari e non abbiamo mai un attimo di pace e silenzio per la nostra mente.. però questo lo abbiamo scelto nel momento in cui abbiamo deciso di avere un figlio. In più noi siamo persone adulte con gli strumenti per fronteggiare tutto questo mentre loro sono bimbi piccoli e non dispongono di questi strumenti. Non riescono ad occuparsi dei loro problemi (che per noi sono capricci ma per loro sono cose grandi da superare) e in più anche dei nostri problemi. Noi dobbiamo proteggerli e capirli non sono loro a dover capire noi. Loro sono i bambini e noi gli adulti. Li dobbiamo aiutare a crescere e a capire come si superano le difficoltà. Picchiarli non servirà a niente solo ad umiliarli profondamente. So che é difficile perché sono la prima ad affrontare da sola tutto questo. Sono una mamma sola di un bimbo di 2 anni. Ma gli voglio un gran bene, l’ho desiderato tanto ed è tanto piccolo e indifeso. E si che è normale che mi cerchi sempre, che voglia la mia attenzione, le mie coccole, sono il suo unico punto di riferimento perché sono la mamma. Per i bsmbini la mamma e il papà( quando c’è) sono tutto quello che hanno. Non dobbiamo mollare. Nei momenti tragici è meglio sedersi chiudere occhi e orecchie per quei 10minuti e lasciarli piangere e poi appena ritrovata la calma andare lì ad abbracciarli e rassicurarli. Parlargli sottovoce (si zittiranno per sentire cosa dite, se invece urlate loro urleranno più di voi perché si spaventano è l’unico modo che conoscono è quello che avranno imparato da voi cioè urlare perché purtroppo dipende tutto da quello che facciamo noi loro ci imitano) E se ci riusciamo, distraiamoli con un gioco o con della musica. Quello che li calmerà è sentire la nostra voce calma e il nostro abbraccio contenitivo e rassicurante. So che ognuna di noi è in grado di fare questo per amore di suo figlio. E allora impegniamoci a cambiare il nostro comportamento con loro e per loro. Poi se riteniamo di avere dei problemi che non riusciamo a superare da sole, facciamoci aiutare da una persona competente. Perché ci meriatiamo di essere felici e serene e se lo meritano anche i nostri piccoli, che non hanno nessuna colpa è nemmeno ci hanno chiesto di venire al mondo. Questo mio commento non vuole essere per nessun motivo un giudizio o un consiglio. Solo una riflessione è un incoraggiamento per tutte noi mamme in difficoltà.

    • Scusa ma tutto questo buonismo e paternali travestiti da buoni consigli della nonna qua nn servono. Si chiama genitori che sbroccano e non genitori che insegnano…le sappiamo anche noi tutte queste belle cose, non setve che ce le dica tu. Serve, in questo spazio, una persona che ascolti e comprenda. La bella lezioncina lasciamola a casa x favore

      • Concordo. Fare sentire sbagliati gli altri non serve. Mi sembra che qui ci sentiqmo gia abbastanza sbagliati senza che qualcuno ci faccia sentire ancora piu in colpa. Poi fai il secondo figlio, magari 2 maschi a 2 anni di differenza, vedrai che tutto il buonismo svanira’ nel giro di qualche mese ….

    • Ciao Bianca, mi ha colpito la lunghezza dello scritto e così l’ho letto…e l’ho letto proprio tutto…e con attenzione….e alcuni tratti anche più volte…e con la stessa empatia che hai dimostrato nei confronti di questi poveri piccoli ti chiedo semplicemente di entrare nei nostri panni, nelle nostre vite, perchè ti posso assicurare che avere da due figli in su non è affatto come averne uno solo! e anche se si è in due le cose non sempre vanno meglio anzi si mette a repentaglio anche la coppia! Anch’io non voglio giudicare o dire che l’erba del vicino è sempre verde, ma in un rapporto uno a uno capisci che tutto è meno complesso, che sì, tu sei sola, ma hai anche una sola persona a cui dedicarti, che le tue scelte non sono sottoposte al vaglio di nessuno e che tuo figlio prende ciò che gli dici punto e basta (anche lui non ha confronti, non ti deve dividere con nessuno, non ti deve “far pagare” il tempo che dedichi ai compiti del fratello/sorella o al marito/moglie per organizzare le giornate successive). Gestire le gelosie non è semplice: sei la madre e quindi naturalmente tutti i cuccioli ti reclamano per sè e, proprio perchè piccoli, con una “prepotenza” assoluta che non lascia spazio a spiegazioni. E quindi come si fa? Fai la trottola: un pò da una, un pò dall’altra cercando di intrattenere l’altra “abbandonata” con una scusa o un pretesto inventato sui due piedi, e poi tuo marito che ti chiede qualcosa dalla cucina ma che non ricevendo risposta o non capendo quello che vuoi dirgli si spazientisce e ti dice pure che c’è (giustamente) anche lui…..Tu hai ragione su tutto: siamo genitori, siamo educatori, il primo insegnamento è il nostro fare più che il nostro dire, lo abbiamo scelto è vero ma il punto, almeno per me, è che con tutta ma proprio tutta la buona volontà mia e di mio marito le nostre due “miss frigni e bisticci” (10 e 7 anni!!!!!) non ascoltano, non collaborano, non colgono che tutto questa continua tensione nel dover sempre fare il carabiniere tra loro perchè non resistono tre secondi insieme, sta distrugggendo la nostra famiglia! Ho persino scritto CON LORO quindi condividendo le regole di casa e quelle di ciascuno di noi con le relative conseguenze (famiglia serena se si seguono e divisa se no) ma anche questo impegno questo tentativo non produce risultati duraturi o almeno miglioramenti che ti spronano a proseguire. E’ questo il mio fardello, non l’impegno implicato da una famiglia che ho scelto e voluto….all’università un vecchio educatore mi insegnò che ciascuno deve fare la sua parte e che nessuno può fare ciò che spetta all’altro e per me questo è verità assoluta ma anche la mia più grande fonte di tristezza e sofferenza perchè non capisco il perchè le mie figlie che amiamo con tutto il cuore e a cui abbiamo sempre insegnato questa cosa (anche con i peluches per rendere loro meglio l’idea dell’andarsi incontro) e che hanno la fortuna di avere una buona famiglia (non è per vantarsi ma è una sana consapevolezza) non lo colgano… nemmeno, come ho già scritto, quando in palio c’è qualcosa di piacevole. A lungo andare ci si sfinisce….alle mie cucciole dico sempre che anche Madre Teresa riceveva qualosa: il sorriso anche solo dello sguardo dei suoi malati, ma aveva un riscontro per quello che faceva o diceva. Anche a noi basterebbe vederle sorridenti non solo quando hanno, fanno o faranno qello che vogliono….ma certi strilli e scene da pazzi per un no spiegato e o giustificato non una ma più volte, beh questo no.
      Ho scelto di impegnarmi non di sfinirmi fisicamente, emotivamente e psicologicamente…anche se ci sono quasi e questa trasformazione non mi piace affatto!!!
      E’ stato un bel confronto….ciao!

    • D’accordissimo con Io. E ovvio che nessuna di noi è contenta o orgogliosa di quello che prova, ma sta di fatto che sente le prova ed è qui x urlarlo proprio xché attorno c’è un mondo fatto di luoghi comuni, di parvenze da mantenere, di mamme perfette pronte a farti sentire un mostro solo xché non sei disposta ad essere orgogliosa che colui/lei che hai partorito soffrendo le pene dell’inferno ti stia portando sull’orlo del precipizio. Siamo qui x sfogarci e comprenderci a vicenda, non per farci la predichina.

    • Bianca io leggo il tuo commento come una specie di sbrocco contro gli sbrocchi, seppur molto moderato. Capisco che hai cercato parole di incoraggiamento a fare meglio, e infatti ti sei messa anche te nel gruppo di chi sbaglia come madre perché perde facilmente la pazienza. Per questo ho deciso di non moderare il tuo commento, nonostante a qualcuno sembri una critica da “maestrina”. Mi piace invece il confronto che ne è derivato. Ricordiamoci sempre che come madri, e naturalmente come padri, possiamo sbagliare, e sbagliamo sicuramente. E’ normale a volte perdere la pazienza, urlare, sbroccare, con i figli o con gli altri, anche se non è giusto nei confronti dei bambini, soprattutto se troppo piccoli per capire. Questa pagina serve a farci sentire dei genitori più umani, perché ci si ritrova spesso a sbroccare in compagnia, e a sentirci meno soli. Mando a tutte un abbraccio di incoraggiamento, forza che gli anni difficili passano prima di quanto non vorremmo, e all’improvviso questi figli avranno quell’età in cui ci ritroviamo in bagno da sole a chiederci che fine hanno fatto 😀

      • Posso aggiungere due righe pure io, adesso che i miei hanno 13 e 15 anni e molti di voi sul web questi miei figli li hanno praticamente letti crescere: è vero che, salvo incidenti di percorso che ci sono sempre, a volte indipendentemente da quello che vogliamo o facciamo noi – penso a bullismo, una bocciatura, un incidente, malattia, trasloco, persone sbagliate, diagnosi fatte tardi, infiniti modi di mandare in crisi una famiglia in maniera più o meno grave – dicevo che anche senza questo la vita è comunque difficile di suo. E comunque è vero che i figli crescono, cambia il rapporto con loro, cambiano le modalità di cura, è vero che l’adolescente lo vorresti strozzare tre volte al giorno ma te lo mangeresti di baci altrettante, cioè è vero che crescendo i figli cambia tutto, e spesso in meglio. Ma qui ed ora, in questo spazio abbiamo bisogno di conforto e io vorrei uindi lasciarvi questa testimonianza: può succedere di tutto, ma la vita con i figli migliora tanto, anche se la stanchezza rimane. Concentriamoci su questo, io delle volte quando facebook mi ricordai post di uno, due, 5 anni fa e li rileggo, inorridisco pensando a come stavo stanca, esaurita e messa male con i figli piccoli, e mi chiedevo chi me lo facesse fare. Rileggermi mi fa male e mi fa bene perché vedo che certe cose sono migliorate, e tanto. E proprio stamattina pensavo che adesso che i figli sono grandi e mia madre è ancora in gamba, io una olta davvero me la vorrei prendere, magari insieme a mia suocera, e portarmele un weekend fuori, magari a Lisbona, e coccolarmele un po’ fino a che possiamo. Il tempoche passa aiuta anche a pensare queste cose. Bianca, coraggio anche tu.

      • Grazie di cuore, questo pensiero mi ha fatto venire le.lacrime agli occhi. E’ vero, verissimo. E devo cercare di pensarci piu spesso quando mi sento sull orlo del precipizio

      • Grazie di cuore serena. questo pensiero mi ha fatto venire le.lacrime agli occhi. E’ vero, verissimo. E devo cercare di pensarci piu spesso quando mi sento sull orlo del precipizio

  4. Ciao a tutti. Sono mamma di due bimbi di 5 e 2 anni e mezzo. Lavoro a 60 km di distanza, dove abitiamo non abbiamo nessun supporto, niente nonni, niente amici stretti. Mio marito esce alle 6.30 e rientra alle 18.30 quando va bene. Mi sento stanca e disperata come non mai. Sola ed esausta. La piccola è estenuante. Piange da quando si sveglia a quando va a letto. per ogni cosa. Vorrebbe solo stare al centro della mia esistenza ma con tutto quello che c’è sempre da fare come faccio a dedicarle più tempo?? Non sopporto più quel piagnucolare continuo e le crisi isteriche. Sempre più spesso scatto come una pazza isterica, ho perfino una voce diversa quando li sgrido, non mi riconosco più. Riesco solo a pensare che vorrei tanto fare una pausa da tutto. Odio mio marito che non deve occuparsi di accompagnarli e riprenderli dagli asili, di fare la spesa, cucinare, fare il bucato. Mi sento schiacciata dal peso di dover gestire tutto da sola. Lui non vuole trasferirsi nella città dove lavoriamo e avrei la mia famiglia vicino. Che rabbiaaaaa

  5. Ciao a tutti sono una mamma di tre bimbi 2,3,7anni ultimamente non ce la faccio più solo sentirli piagnucolare o urlare oppure anche solo quando stanno giocando tra loro mi da fastidio perché urlano in continuazione pulisci e un secondo dopo è peggio di prima!la più grande non ascolta e quando la rimprovero cade dal mondo delle nuvole e mi manda su tt le furie,il più piccolo che di sveglia dalle 5 alle 6 volte a notte giuro non ce la faccio più urlo in continuazione e piango perché mi sento una madre di m…a,sto bene solo quando sto al lavoro anche se li porto con me ma almeno non sono con me tt il giorno perché stanno un po’ con mia nonna,e quello che mi fa star peggio è che nessuno mi capisce…

  6. Io ho tre bimbi di quasi 2 anni 3,e7 sono esausta…sbotto solo a sentirli piangere o urlare tra di loro poi ci sono tt le faccende di casa poi il lavoro io non ce la faccio più…mi sento una madre di m…a.in più c’è la più grande che non ascolta la rimprovero e sembra cascare dalle nuvole e questo mi manda in bestia..il più piccolo che di notte si sveglia 5/6volte sono davvero disperata…

  7. Sono mamma di un bimbo autistico di 5 anni ..come avesse 2 anni.. sto passando in estate di m chiusa in casa perché ogni volta che provo a uscire piange .. piange per ore e senza motivo quando vado al parco ti guardano con una faccia tipo ma non lo fai stare zitto si perché purtroppo non si vede fisicamente quindi tutti pensano sia un bimbo come gli altri ma molto viziato.. la mia vita era molto meglio prima e continuo a chiedermi perché a me di tanta gente perché… non penso di vevere molto a lungo non vedo l’ora che inizi la scuola per avere 3 ore al giorno di pace .. si solo 3 ore per 4 giorni perché non può fare orario come gli altri è uno schifo davvero per chi ha bisogno c’è sempre meno siamo soli io e mio marito sono tutti lontani ma non sarebbe cambiato molto visto che nessuno se lo vuole tenere.. se qualcuno mi avesse detto quello che andavo incontro non l’avrei mai fatto se potessi tornare indietro cancellerei tutto!!

    • Deve essere dura ….e immagino quanta solitudine in questa situazione. Leggendo il tuo post ho ridimensionato il Mio stress e le mie notti in bianco!Hai provato a iscriverti a qlc associazione per condividere con altri genitori con figli autistici? Spero che questo spazio ti sia utile per sfogarti.

  8. E’ il 5 di agosto e ho letto solo fino alla fine di luglio…….potrei solo scrivere idem sotto ogni Vostro sfogo. E solo e sempre la stessa medesima domanda: perchè? siamo donne che abbiamo desiderato diventare madri, siamo spesso lavoratrici, ci dividiamo tra famiglia e lavoro, cerchiamo di accontentare tutti (figli, mariti, nonni e zii single che quindi sono sempre pronti a disfare in un attimo il lavoro educativo che hai fatto faticosamente o meglio che stai facendo faticosamente ogni giorno!), siamo felici per un sorriso, ma nessuno si acorge di te, di quello che fai, della fatica fisica e soprattutto psicologica che tutto questo comporta. Tutti sempre pronti a portare avanti le proprie esigenze, a definirle prioritarie su quelle degli uni o degli altri e, ciliegina sulla torta, a dirti che è colpa tua perchè non ti prendi i tuoi spazi!!!! e, per tornare ai figli: hanno tutto sia in senso materiale che di affettto…ma cosa cavolo vogliono!!!! devono rognare fino a quando ti vedono svalvolare e, ancor peggio, continuano…..anche quando in palio c’è un’uscita o un pic nic come il nostro di oggi mandato all’aria per le due “miss frigni” insieme al rapporto con mio marito!! Riescono a tirar fuori il peggio di noi?!??! e dopo la rabbia….tanta tanta tristezza e demoralizzazione………………..

    • Anch’io sulla tua stessa barca con 2 bimbi di 5 e 2 anni che ci stanno letteralmente distruggendo le ferie che io e mio marito da 2 anni sognavamo. Io credo che i bambini oggigiorno siamo più capricciosi e prepotenti a causa di un’eccessiva demonizzazione di una certa severità nell’educazione. I miei fanno capricci x ogni minima cosa perché sono stati abituati dai nonni a fare ciò che vogliono con la scusa che la severità traumatizza i bambini. Gran cavolata io sono stata cresciuta in modo abbastanza severo e ho avuto solo benefici da ciò in età adulta. Sono stanca e demoralizzata e certe volte vorrei tornare indietro…..

      • Ciao Mammatriste, come ho scritto anche a Demoralizzata mi ha fatto piacere la tua risposta. Il tuo stare sulla mia stessa barca mi ha fatto sentire la vicinanza di qualcuno che prova quello che provo io: rabbia per la distruzione di un momento a tutti gli effetti bello come le vacanze; incazzatura nera ed irritazione alle stelle per frigni e atteggiamenti non prorpio da college inglese -e che ti chiedi da dove arrivino-; totale e assoluta insopportabilità per il “metodo nonni”, identico ovunque, che se ti permetti di rettificare in nome del tuo ruolo sei messa alla griglia davanti ai tuoi figli e data loro in pasto!! E a quelle/i che leggendo la mia risposta a Denoralizzata sapranno che oggi le mie figlie sono dai nonni, sappiate che:
        1. sono state invitate ieri con la premessa che nonna aveva preparato le lasagne (quindi come fai a dire no? sfido chiunque……..)
        2. chiami per dire che sono pronte, con il sottofondo di un bisticcio in atto, e la nonna dice a me perchè le inasprisco – semplicemente perchè le avevo minacciate di non andare dai nonni se non la smettevano!- e a loro di stare tranquille che sarebbe arrivato il nonno perchè a casa dei nonni sono bravissime a detta loro!- fa niente se la vicina ha messo una tenda perchè non sopporta bimbe e nonna a loro servizio!!!
        Quindi, spero per me, per te e per chi ci legge che questo sia un Buon Ferragosto!

    • Mi hai commosso. Leggere che di te non se ne accorgono, non si vede tutti cio’ che c’e’ dietro…. La fatica fisica e psichica. Io sono demoralizzata, ho una bimba di due anni, fantastica, allegra, intelligente e troppo furba… Ma e’ una testona tremenda…. Se qualcosa non va come dice lei inizia a buttarsi per terra e a strillare come una pazza ovunque andiamo. Ci guardano tutti ed io mi faccio picccola, vorrei sparire. Nessuno capisce un corno…. Tutti buoni a dire: è piccola!!! Ma che piccola??? A me sta tirando fuori il peggio di me con tutti….

      • Ciao Demoralizzata, mi ha fatto piacere la tua risposta. Questo spazio lo trovo semplicemente FANTASTICO: un giorno si lascia un urlo, un altro uno sfogo rabbioso, un altro ancora una pacca sulla spalla che è già, almeno per me, qualcosa di positivo.
        Condividere alcune emozioni tipo “tirano fuori il peggio di me”, sapere che anche altri/e vivono ste scene da pazzi isterici fuori e dentro casa, “temono” le vacanze o ringraziano il cielo per il rientro lavorativo non ti fa sentire sola e pazza in un mondo dove la perfezione, seppur apparente, è comunque sbattuta in faccia ogni minuto secondo. Buon Ferragosto…forse per me lo sarà: le mie figlie sono dai nonni, mio marito dopo il turno di notte dorme, io sono qua e questa tranquillità è impagabile!!!

        • Amiche vi basti pensare che io sono al mare ma invece di essere in spiaggia sono qui buttata sul letto a leggere i vostri messaggi avendo ormai raggiunto il limite massimo di sopportazione dopo l’ennesima crisi di capricci e lagne durante queste maledette ferie. Non vedo l’ora di tornare a casa! Leggere le vostre esperienze simili alla mia mi consola.

  9. Ciao. Ho adottato una bimba di 6 anni. Da quando è iniziata la nostra convivenza – 6 mesi fa – ho smesso di sorridere. I continui musi, silenzi e pianti mi hanno resa più dura e rigida rispetto alla mia normale natura. Non penso più alla sua condizione di bimba abbandonata ( e adottata), penso soprattutto a non soccombere e a sopravvivere.

  10. Il mio bimbo ha quasi 10 mesi e mi sta appiccicato giorno e notte, per carità è il mio amore ma quando lo devi portare pure a fare la cacca con te se no piange come se nn ci fosse un domani è tosta. Inoltre il mio compagno è più esaurito di me io non so che fine faremo! E pensare che vedevo il mio futuro come quello del Mulino Bianco… Peccato

  11. Io sono Rosy una mamma esausta esaurita nervosa ansiosa sono demoralizzata o 3 figli 11 10 e 8 anni sono ingestibile indisciplinati ineducati litigano sempre si picchiano a vicenda e io non so più cosa fare solo stare seduta in un angolo aspettando che loro stessi troveranno una soluzione al problema ma mi.rendo conto che sono veramente strani non ce più pranzo non ce più cena perché riescono a litigare anche li io non ce la faccio più voglio mollare mollare e scappare più lontano possibile da loro

  12. Sono una mamma di due bambine una di 18 mesi e una di quasi sei ogni giorno con la più grande è una sfida continua e un continuo continuo continuo parlare, penso che ormai le mie orecchie fanno fatica a digerire la sua voce ormai, e cosi tutti i giorni da quando mette giù il piede dal letto fino a quando finalmente non va a dormire e giustamente la più piccola non è da meno copia tutto quello che fa la grande.
    Non faccio altro che gridare dare punizioni e litigare con mio marito che si lamenta sono stanca mi sento una “merda” e tra poco penso che avrò una crisi di nervi.
    Vorrei avere solo un po di serenità. A volte almeno.

  13. Vi leggo qui sotto e mi consolo…
    Credo sia proprio l età…il mio secondo di 3 anni mi fa disperare!
    Sembra che Voglia fare l adulto! Se suo fratello sta davanti alla tv lui comincia a dirgli di spostarsi per poi finire col picchiarlo! Stessa cosa con la sorella più piccola! Quando gli chiedi il perché ti risponde” perché non si spostava….perché non stava seduto bene….perché non mi.ascolta quando parlo….”
    Ci imita tantissimo ma è davvero tanto manesco! E quando le prende mi picchia o tira calci ma cmq è sempre risponde!Non riesco nemmeno a metterlo in castigo perché non ci sta!
    Poi ha sto vizio che se ti parla o ti chiama e non rispondi subito , vuoi perché sei nel mezzo di una conversazione o perché sei sovrappensiero, lui subito va in bestia! Si tocca la testa dal nervoso, batte i piedi , e ti urla mamma ascoltami!!!!!!!
    Il problema è che se gli parte una crisi così poi degenera totalmente! Arriva a piangere per parecchio e non sa più cosa vuole!
    Mi rende una mamma da manicomio!

  14. Io ho due figli di 1 e 4 anni… Anche se loro sono abbastanza gestibili io mi ritrovo ad affrontare giornate intere da sola a casa senza parlare con nessuno tutto il giorno suoceri assenti mia Madre abita a 150 km da me è mio padre è morto da poco…. Urlo sempre nn ho pazienza schiaffi al grande per i capricci sono esaurita e vengo criticata per questo ma mai nessuno che ti chiede andiamo a prenderci un caffè…. Vorrei essere un bravo genitore…mi ritrovo un mostro e. Mio figlio balbetta e ha i tic per i miei continui sbalzi d umore ma perché nn muoio?

    • Cestolina, pare brutto da dire, ma…che bello leggere il tuo post! Mi ci ritrovo in pieno. Ho tre bambini (9,7 e 4) e non li sopporto più, tutto il giorno con loro per queste maledette “vacanze”, scatto per qualunque stupidaggine e dico, anzi urlo loro cose terribili. Faccio cose terribili, sono una madre terribile. Sono settimane che sono in questa situazione. Sono avvilita e quel pensiero che hai scritto proprio alla fine è venuto anche a me. Anche i miei stanno a 200 km. Passo giornate senza scambiare una parola con un adulto, solo tutte ste cose da bambini, per i bambini, e fai da mangiare e tieni la casa (nell’ultima settimana l’ho abbandonata, non ce la facevo psicologicamente a mattermi a pulire, anzi non me ne frega più niente di pulire, ecco!)
      Per questo ti dico che è un sollievo leggere quello che scrivi. È paradossale, ma mi pare di essere meno sola. E anche meno cattiva, perchè penso di essere meno “anormale”.
      Io non ti critico e volentieri ti offro un caffè virtuale. Buona continuazione.

    • Ma non dire cosi!! Pensa che siamo tutte nella stessa barca. Stai tranquilla e leggi le.altre.mamme. ti sentirai un po meglio

  15. SONO UNA MAMMA DI UN BIMBO DI QUASI 3 ANNI…OGGI SONO ESAURITA..NERVOSA..MI VIENE DA PIANGERE!!MI SFIDA DI CONTINUO..MI DICE NO PER OGNI COSA…URLA..ROGNA!
    IO LI DO LE SBERLE FORTI SULLE GAMBE..MA TEMPO 3 MIN E RINIZIA…!
    SONO SFINITA!!!!
    VOGLIO SCAPPARE E STARE SOLA..

LASCIA UN COMMENTO