Un folletto per lo sport

5

sport-pulizia– post sponsorizzato –

Tv accesa sul posticipo di calcio di serie A, canale che difficilmente resta sintonizzato per più di cinque minuti dalle nostre parti: del resto lo sport di famiglia è la pallavolo e siamo tutti cinefili.

Sto perdendo tempo su Facebook dal portatile, quando la visione laterale coglie un movimento fuggevole durante la presentazione delle squadre: sarà il mio inconscio che vuol dirmi qualcosa? Mi è sembrato di vedere i calciatori con un robot aspirapolvere in mano!
Guardo meglio e mi accorgo che non si tratta del mio cervello che sta facendo uno scherzo, il Parma sta offrendo veramente l’ultima versione del robottino Vorwerk Folletto ai propri avversari.

Mi viene da ridere. Figurati se quelli sanno dove si compra, oppure come si utilizza, o almeno dove sia il tastino di accensione; deve proprio essere un errore di comunicazione, visto che le campagne che riguardano pulizia e affini sono leggermente monotematiche e si rivolgono esclusivamente alle donne. Chissà perché la Vorwerk ha avuto questa idea originale e alternativa per sottolineare la collaborazione con la squadra di calcio?

Non sarà mai che alle brillanti menti dei creativi sia finalmente passato per le sinapsi di cambiare punto di vista?
In realtà avere lo spunto per abbinare lo sport alle buone pratiche quotidiane e ad uno stile di vita corretto è un argomento che ci sta molto a cuore.
In molte occasioni, in questa rubrica, ci siamo soffermati sul fatto che la cultura sportiva possa diventare veicolo di argomenti importanti quali il fair play, inteso come rispetto dell’avversario e gestione etica della gara.

Sappiamo bene quanto sia importante che i grandi calciatori, che nella società attuale sono personaggi molto famosi e conosciuti dalla maggior parte dei bambini, si facciano esempio di uno stile di vita sano e pulito e diventino gli idoli da seguire a tutto tondo.
Certo il fatto che maneggino un robottino per le pulizie ha un senso molto ironico, ma partire da qui potrebbe essere molto interessante, abbinando la tecnologia e l’innovazione alla tradizione sportiva di una società di lungo corso e costruendo un progetto ad ampio respiro che riguarda i giovani e gli sportivi non professionisti.
Che idea, chissà se qualcuno ci ha già pensato?

Nel frattempo armiamoci di coraggio e diventiamo paladine noi donne e mamme per prime di una nuova coscienza: formiamo la parte maschile della famiglia all’utilizzo dell’aspirapolvere e affini, sarà una battaglia dura ma potrebbe dare enormi soddisfazioni.

– di Lucia Busca

(foto credits @ Jolanda Restano)

Prova a leggere anche:

5 COMMENTI

  1. Argomento universale e trasversale: fare meno fatica, ridurre i tempi.
    Mi preme invece ragionare sul tandem sport-tecnologia-pulizia: che sia giunta l’ora di una svolta? 😀

  2. Beh dai con questo robot finalmente le mogli dei calciatori faranno ancora meno fatica!! 🙂 Che poi non è quello che vogliamo tutti???

LASCIA UN COMMENTO