Disney Junior Party: bimbi piccoli, schermo grande

0

disney party 2

Ricordo che quando Meryem era piccola ho esitato a lungo prima di portarla al cinema. Mi pareva improbabile che potesse rimanere attenta e interessata per tutta la durata di un film e finivo sempre per desistere. Quando abbiamo finalmente rotto il ghiaccio era già grandina. Suo padre del resto è convinto che vedersi un dvd sia la stessa cosa di andare al cinema, con il valore aggiunto di potersi sbracare sul divano, fermare il film se si vuole prendere un bicchiere d’acqua o fare la pipì e via discorrendo.

Io invece soffro, perché il grande schermo è il grande schermo. Non è solo una serie di immagini proiettate, è un’esperienza, un incanto a sé. Le poltroncine, il buio in sala, l’omino dei gelati che passava all’intervallo. Da bambina al cinema andavo in quello che oggi è diventato un teatro, il teatro Vascello. E si vedevano, rigorosamente, film di Walt Disney. Ricordo di una volta in particolare, in cui costringemmo mio padre a due visioni consecutive de La Carica dei 101 (e mia madre si chiedeva con un filo d’ansia che fine avessimo fatto).

La proiezione a cui io e Meryem siamo state invitate in anteprima domenica scorsa, in occasione del Fiction Festival di Roma, mi pare particolarmente adatta per quei genitori, come sono stata io, che vorrebbero iniziare i bambini al cinema, ma esitano perché sono ancora piccoli. Si tratta di Disney Junior Party, un format per il cinema che riunisce tre puntate inedite di serie notissime, intervallate da giochi che coinvolgono il giovane pubblico in sala.

Probabilmente vedere “in grande” il format a cui sono già abituati (le puntate dei loro cartoni del cuore) può essere un’idea intelligente per far loro apprezzare, con gradualità, quella magia unica che cattura e rapisce fin dentro lo schermo, raccontata con tanta maestria da Woody Allen in La rosa purpurea del Cairo.
Le scivolate lungo le cascate della principessa Sofia e della sua mamma non erano certo gli effetti speciali di un 3D, ma potevano essere il primo passo per avvicinarcisi.

Il valore aggiunto sono le parti interattive che incorniciano i tre episodi inediti (che vedevano protagonisti, rispettivamente, Jake e i pirati dell’isola che non c’è, La principessa Sofia e la Dottoressa Peluche): giochi che stimolano la partecipazione degli spettatori (sullo stile dei cartoni de La casa di Topolino), canzoni da cantare e ballare tutti insieme, incluso l’ormai celebre Ballettopolo. A vedere una sala brulicante di tappetti che agitavano le mani e scuotevano i sederini ho pensato che dovevano sentirsi come a una rappresentazione di The Rocky Horror Picture Show (avanti, non avete mai desiderato inzuppare il vostro vicino con una pistola ad acqua per simulare la tempesta in cui si trovano Brad e Janet?). Insomma, volete mettere rispondere alle domande di Topolino da soli, in salotto, coinvolgendo al massimo una nonna insonnolita, oppure gridare in cento, con una sola voce: “O Toodles“? Tutto un altro effetto.

Io, che non conoscevo le tre serie, sono stata colpita da un lato dal tentativo di conservare tracce della memoria disneyana di epoche precedenti (Jake emerge dalla vicenda di Peter Pan e a fianco di Sofia svolazzano le fate madrine de La Bella Addormentata), dall’altro dall’incredibile sforzo di questi cartoni di essere educativi e politically correct. Mentre Meryem, durante il tragitto verso l’Auditorium, cercava di raccontarmeli, le parole che le ho sentito pronunciare più spesso sono state “gentilezza” e “buone azioni“. Magari un po’ troppo zuccherosi per una madre degenere come me, ma una cosa è certa: neppure il più pavido dei cuccioli potrebbe restare scosso o turbato da questa visione. E allora, buio in sala!

Disney Junior Party sarà nei cinema di tutta Italia, il mese prossimo, per due eccezionali weekend: il 18-19 e il 25-26 ottobre.
Sulla pagina facebook di Disney Junior Italia, troverete tutte le informazioni

Per curiosità: la prima volta al cinema dei vostri bambini com’è stata? Una deliziosa scoperta o un incubo da rimuovere?

– dalla nostra inviata Chiara

– RECENSIONE SU INVITO –

Prova a leggere anche:

LASCIA UN COMMENTO