Dammi solo un quarto d’ora: concorso a premi di genitoricrescono

10

Siamo pronte per presentarvi la nostra ultima idea, perché Serena e Silvia sono due mamme superimpegnate con poco tempo per respirare, ma se la notte si trovano a non dormire per un motivo o l’altro il cervello si mette in moto, e allora si riesce anche a tirare fuori un’idea per divertirci ed imparare qualcosa di nuovo insieme.
E così eccoci pronte per il nostro primo concorso a premi:

Dammi solo un quarto d’ora!

Hai fatto tardi. Devi preparare la cena. Tuo figlio richiede attenzione e hai bisogno che se ne stia buono per un quarto d’ora mentre prepari una cena al volo. Non vuoi metterlo davanti alla TV o ad un videogioco. Quale è il miglior intrattenimento che si sia mai venuto in mente?
Condividilo con noi in 200 caratteri.

Se tuo figlio è nell’età in cui non ha più bisogno di aiuto per giocare tranquillo un quarto d’ora, puoi raccontarci una soluzione che hai trovato utile tempo fa e riferirti all’età di tuo figlio in quel momento.
Non c’è limite al numero di giochi da inviare. Più idee buone hai da condividere, tanto meglio!

I giochi proposti verrano pubblicati tutti a rotazione nella sidebar di genitoricrescono.
Il 6 gennaio una giuria insindacabile, formata dal Sorcetto (6 anni), Il Vikingo (4 anni), Pollicino (8 mesi) e la Burrosa (2 anni scarsi), deciderà quale è stato il gioco migliore (perché noi li avremmo testati tutti con loro per ogni cena da preparare da qui alla befana!)

E il premio? Non parteciparai mica per il premio, no? E allora tutti i nostri discorsi sull’aiutarci tra mamme e papà, il senso di comunità, la voglia di condividere… ok, ok, ho capito, se proprio ci tieni a saperlo, il premio è un magnifico calendario personalizzato 2 volte:
prima di tutto perché avrà le foto dei tuoi figli che ci invierai in caso sarai il fortunato vincitore, e poi perché avrà un design esclusivo di genitoricrescono.

Per partecipare riempi il form qui sotto. Poi condividi questo post sul tuo blog, facebook, twitter, invia un’email ai tuoi amici, telefona a qualcuno, passaparola!

Il tuo nome

 mamma papà tata

la tua email

Nome del bambino

Età del bambino

Il tuo gioco in 200 caratteri

Il link alla pagina in cui pubblicizzi questa iniziativa (es il tuo blog, facebook, eccetera)

Prova a leggere anche:

10 COMMENTI

  1. Bene, non ho resistito neppure io a farne un post sul mio blog: le attivitá in cucina sono tra le preferite del mezzovikingo (superate soltanto dal pulire i pavimenti, tipico uomo svedese in erba…)

  2. Quante belle idee! Grazie a tutti quelli che stanno partecipando (e sono già tanti!)

    Finora il cucinare insieme sembra l’attività più gettonata! Io prendo nota e inizio già da stasera a mettere tutto alla prova.

    @Alessandra per partecipare dovresti inserire almeno una delle tue attività nella form all’interno del post.

  3. Ciao,
    bella idea! ho già inviato i miei “200 caratteri” e vi ho anche postate nel mio blog, appena inaugurato perchè ho “traslocato” dal precedente: difficile che qualcuno passi proprio di lì…ma l’ho fatto ugualmente
    ciao elena

  4. Intorno ai 4 anni, ma a volte ariciccia anche ora che ne ha 7 e mezzo, il miglior modo per intrattenerla tranquilla mentre cucinavo era farla “cucinare anche lei”: sul serio o per finta!

    Sul serio poteva voler dire darle da tagliuzzare con le forbicine-con-la punta-arrotondata radicchio o filettini di melanzana pretagliati da me, o qualunque altra cosa mi servisse per cucinare, oppure farle fare “il bagnetto” alle patate (io le metto in acqua e sale per un quarto d’ora prima di farle al forno): certo si bagnava un po’ a fare gironzolare le patate con il mestolo di legno dell’acqua, però che spasso! Con una piccola supervisione è anche risultata un’ottima aiutante per fare le polpettine, che con le sue manine piccoline venivano proprio carine! Ora che è più grandicella posso farle anche tagliuzzare con il coltello, per esempio le zucchine, ma la vostra giuria non penso sia il caso lo provi…

    Per finta: darle farine, sale, cose varie e farla intrugliare (o fare la pasta di sale con la quale costruire varie “pizze”, torte, ecc

    baci

LASCIA UN COMMENTO