Cartolina a mia madre

0
Cartolina dal Salento

 

Ciao mamma,

qui al mare tutto bene, i bambini si stancano e si divertono come gli pare, e io e Nicoletta ci riposiamo. C’è sempre bel sole tutti i giorni.

Quest’anno per il mio onomastico ti scrivo io, visto?

Hai avuto come sempre ragione. Adesso ci incontriamo ogni mattina, e quell’idea di portarti in vacanza in qualche modo l’abbiamo realizzata. Sì, liberare le tue ceneri in mare è stata una bellissima idea.

Ci manchi tanto ma sono comunque felice di essere riuscito a dare ai miei figli quello che non ho avuto la fortuna di avere: una nonna, la “mia” nonna, anche se per meno tempo di quanto avrei voluto. Se e quando vuoi vienici a trovare in sogno, va bene? Per il resto, continuo a fare così: cerco di dargli le cose belle che ho avuto, e quelle che non ho avuto per me.

Ancora mi chiedo come tu abbia fatto, da divorziata nei primi anni ’80, a riuscire a fare di me un padre decente. E solo con l’esempio. Di tante cose avrei voluto parlarti, ma la loro urgenza mi viene in mente solo adesso. Mi dicono che succede sempre così.

Abbiamo fatto tutto come volevi eh: le tue cose le ho regalate ad altre donne che ne avevano bisogno, mi sono tenuto solo foto e ricordi. Qualche tuo monile adesso lo indosso io, non ti dispiace vero?

Vado, mi stai chiamando dalle onde. A tra poco.

Lorenzo

Prova a leggere anche:

LASCIA UN COMMENTO